BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’Atalanta Primavera è uno spettacolo: si prende la Supercoppa, 3-1 alla Fiorentina

I nerazzurri bissano il successo del 2019, sempre ai danni dei Viola: decidono le reti di Cortinovis, Kobacki e Vorlicky.

Più informazioni su

È l’Atalanta la regina del calcio giovanile: la squadra allenata da Massimo Brambilla mette in bacheca un altro trofeo, la Supercoppa, facendo il bis della vittoria dello scorso anno. Ancora contro la Fiorentina, allora per 2-1, stavolta il successo dei nerazzurri al Gewiss Stadium è ancora più rotondo: 3-1, con le reti di Cortinovis, Agostinelli, Kobacki e Vorlicki.

L’Atalanta campione d’Italia Primavera, con lo scudetto sulle maglie, onora il primo impegno stagionale che segna la ripresa dell’attività agonistica dopo quasi tre mesi di stop. E domenica 24 a Zingonia alle 10,30 si giocherà Atalanta-Cagliari per la 7a giornata di andata del campionato Primavera.

Ma intanto i ragazzi allenati da Brambilla confermano di essere la squadra da battere conquistando la Supercoppa, dopo un primo tempo equilibrato terminato sull’1-1 per le reti di Cortinovis e il pareggio di Vittorio Agostinelli, figlio d’arte (il papà Federico ha giocato nella Lazio e nel Monopoli).

Nel secondo tempo l’Atalanta fa valere la propria superiorità tecnica e di condizione e arrivano anche i gol, con i ‘gemelli’ d’attacco Kobacki-Vorlicky (l’anno scorso i bomber erano Piccoli e Diallo). I due talenti firmano la vittoria, il polacco di Poznan Olaf Kobacki (19 anni) segna il 2-1 e Lukas Vorlicky da Boskovice (Repubblica Ceca) sigla il 3-1.

Una partita in cui ha brillato il capitano Cortinovis, continuo punto di riferimento del gioco nerazzurro, un numero dieci dotato di ottima tecnica e anche con notevole senso del gol.

Bergamasco cresciuto nella Polisportiva Monterosso, 20 anni lunedì prossimo 25 gennaio, Cortinovis potrebbe esordire presto anche in prima squadra, dove già si è visto una volta il mediano Gyabuaa, anche lui tra i migliori come l’esterno sinistro Matteo Ruggeri, già debuttante anche in Champions League.

Molto bene anche gli altri due autori dei gol. E chissà che Vorlicky, 19 anni, trequartista mancino, possa essere in futuro l’erede di Ilicic.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.