Inchiesta Covid, il dubbio del piano pandemico non attivato a gennaio - BergamoNews
In procura

Inchiesta Covid, il dubbio del piano pandemico non attivato a gennaio

Sarebbe emerso dopo gli interrogatori di Filomena Pistacchio e Claudio D'Amario. Possibile la convocazione del ministro Speranza

Piano pandemico fermo al 2006 e nonostante le indicazioni dell’Oms del gennaio 2020 attivato in ritardo. Sarebbe emerso questo nel corso degli ultimi interrogatori in procura a Bergamo nell’ambito dell’inchiesta Covid e la mancata zona rossa in Val Seriana.

In particolare mercoledì (20 gennaio) quando negli uffici di piazza Dante sono stati convocati dai magistrati come persone informate sui fatti Filomena Pistacchio e Claudio D’Amario, rispettivamente funzionario ed ex direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute.

D’Amario all’uscita ha spiegato di aver risposto a tutte le domande e di aver fornito le informazioni su ogni attività, dicendo di aver agito “nel rispetto dei principi scientifici e di coscienza operativa”.

Dalle due deposizioni, le ultime in ordine di tempo di una serie di dirigenti e tecnici del Ministero, sarebbero emersi nuovi spunti di indagine, in particolare riguardo al piano pandemico influenzale e alla sua mancata applicazione.

Quello italiano, infatti, come già emerso era fermo al 2006. In più l’Italia, poiché non si trattava di un’influenza ma di un virus all’epoca sconosciuto, arrivato dalla Cina, avrebbe ignorato l’invito di gennaio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di seguire i piani pandemici predisposti.

Solo a febbraio sarebbero state impartite le direttive sulla base dello studio di Stefano Merler, ricercatore della fondazione Bruno Kessler.

Quella di mercoledì è stata solo l’ultima puntata di un’inchiesta, coordinata dal procuratore capo Antonio Chiappani, che prevede nei prossimi giorni ulteriori sviluppi e nuovi interrogatori, tra cui anche quello possibile del ministro Roberto Speranza.

leggi anche
  • Bergamo
    Inchiesta Covid, Guerra (Oms): “Autori del rapporto mi dissero di non informare il Ministero”
    carabinieri procura nostra
  • La decisione
    Troppi morti per Covid a Bergamo, il Comune persona offesa nell’inchiesta
    Noi denunceremo, altre famiglie delle vittime del Covid in Procura
  • Bergamo
    Inchiesta Covid e piano pandemico, l’epidemiologo Merler 5 ore in Procura
    carabinieri procura nostra
  • Lo studio
    Bergamo e il boom di casi Covid: “In Lombardia 7 varianti del virus tra febbraio e aprile”
    A Calcinate una nuova tecnologia per la lotta al Covid
  • A roma
    Piano pandemico in ritardo, ministro Speranza sentito per 5 ore dai pm di Bergamo
    Speranza Getty
  • A presadiretta
    Il direttore dell’ospedale di Alzano: “Quel 23 febbraio dovevamo chiudere”
    Pronto soccorso alzano
  • Bergamo
    Inchiesta Covid, “agli atti nessun ordine scritto sulla riapertura Alzano”
    Pronto soccorso alzano
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it