• Abbonati
Liber

“A mio fratello”: il libro per i giovani scritto dal Mago Linus

Nuova puntata di Liber con un ospite speciale, mago Linus e il suo nuovo libro, dedicato a tutti i giovani ragazzi che hanno voglia di vivere un’avventura fra amore, sessualità, bullismo e tanto ancora

Ha 24 anni e ha la stessa passione del leggendario Barney Stinson. Lo scotch? No, la magia!

Hai capito di chi sto parlando?

Pasquale Cesarino, in arte il Mago Linus, ha un sorriso grande e buono, la voce pacata e gli occhi luccicanti.

Lui non lo sa, ma io ho visto diversi suoi spettacoli quando realizzava delle performance durante la festa dell’oratorio del mio quartiere. Io portavo i vassoi pieni di cibo ai clienti, ma nonostante le centinaia di scontrini stampati ogni sera, quando c’era lui sul palco mi incantavo.

Non parlo solo dei giochi di prestigio, in cui è senza dubbio bravissimo; la magia più grande la compie nei bambini che lo guardano ammaliati con le boccucce aperte in totale adorazione.

In questa puntata di Liber ho deciso di parlarvi del suo terzo libro, disponibile dal 20 gennaio 2021 su Amazon.

Il libro si intitola: “A mio fratello” ed è edito da Syniemi. Si tratta di un romanzo epistolare.

Ciao Linus! Di cosa tratta il libro?

Ciao! La storia è un po’ particolare. Sono nel 2035 e ho solo 13 giorni di tempo per lasciare a mio fratello, che ora ha 14 anni, una sorta di manuale di vita. Devo partire per un viaggio che mi terrà lontano diverso tempo. Il perché devo partire e il luogo di destinazione si scopre solo alla fine però. In questa storia sono raccolti tanti temi tra cui la droga, l’amore, la sessualità, il bullismo… tutto quello che è l’adolescenza!

Sembra molto interessante! Come mai la scelta di affrontare questi temi?

Io a quell’età avrei avuto bisogno di qualcuno che mi dicesse esattamente le cose che, tramite questo libro, sto dicendo a mio fratello. Ovviamente con “fratello” non mi riferisco solo a quello biologico, Brian, ma anche a qualunque giovane che leggerà il mio libro. In un certo senso mi riferisco anche un po’ al me del passato.

Facciamo un salto nel passato, quando avevi 14 anni tu come ti saresti immaginato oggi?

Io sapevo che avrei continuato a esplorare il mondo della magia; sinceramente non avrei mai pensato potesse diventare un lavoro che avrebbe portato in giro per il mondo a fare spettacoli! Quando ero più piccolo mi è capitato di fumare droghe leggere, di avere una vita un po’ sbandata. È anche per questo che ho scritto questo libro; se l’avessi letto quando ero un adolescente, forse, non avrei preso scelte sbagliate!

Cosa pensi che ti abbia salvato da una vita sregolata?

La fede mi ha aiutato davvero tanto e consiglierei ad ogni ragazzo che si sente solo di provare a scoprire cosa sia la fede. Magari non gli sarà d’aiuto, ma provare non costa nulla!

Tra dieci anni come ti immagini?

Sposato, con due figli. Mi immagino missionario in giro per il mondo, ad aiutare il prossimo e a strappare un sorriso attraverso la mia magia.

Sicuramente un obiettivo nobile! Adesso, siamo giunti alla fine, ma una domanda te la dobbiamo fare, hai qualche spoiler sul tuo romanzo?

– ride –

Beh… nel 2035 la scienza sarà molto più avanti di quanto lo sia oggi!

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI