Lombardia fuori dalla Zona Rossa? Speranza: nessun accordo, le restrizioni su dati scientifici - BergamoNews
Fino al 31 gennaio

Lombardia fuori dalla Zona Rossa? Speranza: nessun accordo, le restrizioni su dati scientifici

A meno che il Tar accolga la richiesta regionale, i lombardi vivranno ancora per una decina di giorni almeno le restrizioni più rigide stabilite per evitare il propagarsi dei contagi da Covid.

Il ministro Roberto Speranza gela ogni ipotesi di intese per evitare che la Lombardia rimanga Zona rossa fino alla fine del mese. Perciò, a meno che il Tar accolga il ricorso regionale, annunciato dal presidente Attilio Fontana, i lombardi vivranno ancora per una decina di giorni almeno le restrizioni più rigide stabilite per evitare il propagarsi dei contagi da Covid.

Mercoledì mattina era circolata l’indiscrezione sulla possibilità di una intesa tra la Regione e il Governo per rivedere i dati e abbreviare i tempi. Eventualità che il ministro smentisce categoricamente: “Non faccio accordi. Le misure sono su base di documenti tecnici e scientifici”.

leggi anche
  • Lo scontro
    Zona rossa in Lombardia, Fontana: “Presentato ricorso al Tar”
    attilio fontana
  • Al ministro speranza
    La Regione chiede revisione dei dati entro martedì: “Intanto sia sospesa zona rossa”
    regione lombardia
  • Le regole
    Siamo in zona rossa: cosa si può fare da oggi al 31 gennaio
    Scatta il coprifuoco, i controlli delle forze dell'ordine
  • Il primo giorno
    Zona rossa a Bergamo: poche persone in centro, qualche runner sulle Mura
    centro
  • Alla laf
    Cologno, infortunio in azienda: operaio 48enne in ospedale
    Ambulanza nostra
  • Lo scontro
    Lombardia in zona rossa, la decisione del Tar sul ricorso rinviata a lunedì
    Fontana
  • Il caso
    Lombardia zona rossa, altro scontro sui dati: Fontana attacca, il ministero risponde
    attilio fontana
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it