Quantcast
Il Vermouth, ottimo per gli aperitivi: gli ingredienti e i consigli per gustarlo al meglio - BergamoNews
A cura di

Enoteca Gaudes

Enoteca

Il Vermouth, ottimo per gli aperitivi: gli ingredienti e i consigli per gustarlo al meglio

L’Enoteca Gaudes ci conduce alla scoperta del Vermouth, uno dei vini aromatizzati italiani più apprezzati al mondo

Il Vermouth è uno dei vini aromatizzati italiani più apprezzati al mondo. Estremamente versatile, può essere bevuto da solo ma viene utilizzato anche per preparare molti drinks e aperitivi, cucinare primi piatti come il risotto, insaporire secondi di carne o pesce e proporre dessert come torte, ciambelle e biscotti.

Ma com’è nata questa bevanda? Ha una storia millenaria che risale al Medioevo con la comparsa dei vini “ippocratici” ovvero quei vini aromatizzati con zucchero, miele, erbe e spezie a cui venivano attribuite capacità curative in campo medico.

E perché nacquero i vini ippocratici? Le loro origini sono dettate da questioni di gusto, salutistiche, digestive, terapeutiche, visto che erano ritenuti dei tonici, ma soprattutto i vini venivano aromatizzati per mascherarne i difetti, considerando che venivano prodotti con tecniche rudimentali che non sempre erano in grado di dare un risultato dalle caratteristiche ottimali.

Siamo ancora lontani, però, dal vero Vermouth, cioè quello che conosciamo oggi: dobbiamo fare un salto fino alla seconda metà del Settecento e spostarci in Piemonte, a Torino, per vedere nascere il primo Vermouth per mano di Antonio Benedetto Carpano, un giovane studioso di erboristeria. Lo ideò partendo da un grande vitigno piemontese, il Moscato di Canelli, già molto aromatico. Aggiunse spezie, artemisia e inventò l’aperitivo che ha cambiato la storia del vino. In poco tempo il suo prodotto divenne la bevanda ufficiale della corte dei Savoia, diffusa in ogni caffè delle principali città italiane e così iniziò una vera e propria rivoluzione.

In pochi anni il Vermouth cambia, nascono altri vini aromatizzati, altre versioni, ma soprattutto si passa ad altri vitigni: il Moscato di Canelli è squisito ma raro e richiestissimo anche per la produzione di vini dolci, per cui sorge la necessità di usare altri vitigni come il Timorasso o il Gavi.

Per quanto riguarda la composizione, per produrre il Vermouth bisogna partire dal 75% di vino minimo a cui si aggiunge zucchero, alcol etilico, spezie ed erbe aromatiche. A parte la già citata artemisia troviamo decine e decine di erbe, tra le quali genziana, issopo, sambuco, vaniglia, arancio amaro, cannella, noce moscata, coriandolo, ginepro, angelica, maggiorana, menta, zafferano e china. Come vedete le ricette sono molte: la produzione di questo vino è arte e richiede sensibilità, palato, naso per scegliere i giusti ingredienti per creare una sinfonia armonica.

Il Vermouth va servito sempre freddo, ad una temperatura di partenza di 12 gradi. Liscio oppure con solo ghiaccio, anche se il metodo più indicato per proporlo è accompagnarlo con 2 cubetti di ghiaccio, una fetta di arancia e la classica scorza di limone.
La storia dei cocktail parte da distillati e Vermouth, i due pilastri della miscelazione: non a caso molte delle grandi ricette dei drink prevedono l’uso di questo vino aromatizzato come ingrediente. Se si escludono i cocktail sudamericani o tropicali dove sono la frutta e i distillati della canna da zucchero come rum e cachaça i veri protagonisti, molti dei drink più amati sono a base di Vermouth come il Negroni.

All’Enoteca Gaudes, a Torre de’ Roveri in via Marconi, 1, si possono trovare diverse etichette di Vermouth: per avere ulteriori informazioni telefonare al numero 0350401452 oppure inviare un’e-mail a info@enotecagaudes.it
Rimani aggiornato sulle sue proposte consultando il sito www.enotecagaudes.it o accedendo alla pagina Facebook e Instagram.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI