BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Moratti: “Vaccini ripartiti anche in base a Pil Regione”; Misiani: “Inaccettabile”

Scettica anche la deputata bergamasca Elena Carnevali: "Il vaccino è un bene comune"

Contributo che le Regioni danno al Pil, mobilità, densità abitativa e zone più colpite dal virus: sono questi i quattro parametri che il vice presidente e neo assessore al Welfare della Regione Lombardia Letizia Moratti avrebbe chiesto di tenere in considerazione per la ripartizione dei vaccini anti-Covid, con una lettera al commissario Domenico Arcuri.

E’ quanto filtra dalla riunione di Moratti con i capigruppo, secondo fonti di maggioranza e opposizione. “La vicepresidente Moratti sulla distribuzione dei vaccini ha chiesto una serie di integrazioni che mi sembrano estremamente coerenti e logiche e ascolteremo cosa ne pensa Arcuri”, ha spiegato il presidente della Regione Attilio Fontana in conferenza stampa.

Il riferimento al Pil non è legato al concetto di “ricchezza”, bensì alla richiesta di una “accelerazione nella distribuzione dei vaccini in una Regione densamente popolata di cittadini e anche di imprese, che costituisce una dei principali motori economici del Paese”. Precisano dall’Assessorato al Welfare della Regione Lombardia.

“Il concetto – spiegano dall’assessorato – non è quello di dare più vaccini alle Regioni più ricche” ma “se si aiuta la ripresa della Lombardia, si contribuisce in automatico alla ripresa dell’intero Paese”.

“Un’idea del tutto inaccettabile”, ha commentato con un post su Facebook il vice ministro all’Economia Antonio Misiani: “Se il buon giorno si vede dal mattino, la neo assessora lombarda alla sanità Letizia Moratti è partita col piede decisamente sbagliato.

La proposta di ripartire i vaccini in base al PIL di ciascuna regione – privilegiando quelle più ricche a discapito di quelle più povere – è un’assurdità.

La regione Lombardia farebbe meglio a evitare queste sciocchezze, impegnandosi a somministrare rapidamente i vaccini che le sono stati assegnati.

La “ricca” Lombardia è infatti ancora indietro rispetto a regioni che hanno un PIL per abitante inferiore ma sistemi sanitari che, evidentemente, funzionano meglio del tanto sbandierato “modello lombardo””.

carnevali

Scettica anche la deputata bergamasca Elena Carnevali: “Leggo di strane associazioni tra Pil e vaccini, tra la possibilità di ricevere vaccini contro il Covid in base alla capacità di produrre ricchezza. Spero siano solo indiscrezioni mal interpretate che filtrano dall’assessorato della sanità di Regione Lombardia.

In caso contrario voglio dirlo in maniera netta: il vaccino è un bene comune, un bene di tutti, e in nessun modo può essere regolato da leggi di mercato o distribuito sulla base del Pil. La tutela della salute, il diritto all’accesso alla più grande azione di sanità pubblica o è di tutti oppure non è. Sarebbe miope, improvvido e sconsiderato anche solo pensare che si possa distribuire sulla base della ricchezza di una regione”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ivan69

    Forse x PIL non così logico ma visto che come abitanti, in media siamo il doppio delle altre regioni = doppio dei vaccini o in proporzione.