Bergamo e Zanica: i distributori Ip abilitati a Punto Poste Italiane - BergamoNews
La novità

Bergamo e Zanica: i distributori Ip abilitati a Punto Poste Italiane

In provincia di Bergamo il servizio è attualmente disponibile a Bergamo, in Via Borgo Palazzo 167; a breve sarà inoltre abilitato un altro punto di ritiro anche a Zanica, in S.S. 591.

Poste Italiane e IP hanno siglato un accordo in esclusiva per 13 punti di ritiro in Lombardia dedicati agli acquisti on-line, alla spedizione di pacchi preaffrancati e di resi dai principali siti e-commerce che aderiscono alla Rete Punto Poste.

In provincia di Bergamo il servizio è attualmente disponibile a Bergamo, in Via Borgo Palazzo 167; a breve sarà inoltre abilitato un altro punto di ritiro anche a Zanica, in S.S. 591.

Nasce così la rete di servizi integrati che concilia la sosta per il rifornimento con l’esigenza sempre più diffusa di ricevere e spedire pacchi riducendo tempo e spostamenti.

Il servizio è semplice e veloce. Per ricevere pacchi basterà indicare il distributore preferito, in alternativa al proprio domicilio, in fase di acquisto dei prodotti su uno dei siti e-commerce aderenti alla rete PuntoPoste. Il cliente potrà ritirare il suo pacco semplicemente presentando al gestore il codice ricevuto via SMS o via e-mail.

Nel caso di spedizione preaffrancata o prepagata il Cliente potrà utilizzare il PuntoPoste IP per la spedizione di pacchi precedentemente acquistati presso un Ufficio Postale.

In caso di reso di un acquisto online, invece, il cliente effettuerà la procedura di restituzione utilizzando il codice pacco di vettura messo a disposizione dal sito e-commerce. Il Cliente dovrà solo recarsi nel distributore IP PuntoPoste, il gestore prenderà in carico la spedizione e in automatico verrà inviato al Cliente un SMS o una e-mail con la ricevuta. Sarà infine Poste italiane a prelevare la spedizione presso il PuntoPoste e ad avviare il processo di recapito.

Con l’arrivo dei servizi di Poste, il Punto vendita IP diventa un hub multiservizi tecnologicamente avanzato, capace di rispondere alle esigenze dei consumatori, permettendo di risparmiare tempo e offrendo soluzioni economicamente vantaggiose.

I nuovi Punto Poste si sommano ai Lockers già presenti presso alcune stazioni di servizio a marchio IP disponibili per ritirare gli acquisti in autonomia, in modo semplice, sicuro, veloce e senza limiti di orario per i punti self-service.

Fondata nel 1862, Poste Italiane con 12.800 Uffici Postali e circa 126.000 dipendenti offre oggi ai cittadini servizi postali, bancari, finanziari e comunicazione, di riscossione, pagamento e raccolta del risparmio postale.

Gruppo Api è attivo dal 1933 nel settore dei carburanti e della mobilità. Con oltre 1200 dipendenti, una rete di 5000 punti vendita a marchio IP e una logistica distribuita in tutto il Paese, è il primo operatore privato del settore.

leggi anche
  • In commissione
    Belotti alla Camera: “Imprese in ginocchio, riaprire subito in sicurezza gli impianti sciistici”
  • Da zingonia
    Gasperini non vuole passi falsi a Udine: “Partita insidiosa, serve massima attenzione”
  • Vigili del fuoco
    Cavernago, sollevatore telescopico in fiamme
  • A zingonia
    Dal Gruppo San Donato 3.500 dosi di vaccino antinfluenzale per Avis Lombardia
  • Report 12-18 gennaio
    Nei dati dei contagi entrano i tamponi rapidi. A Bergamo calano i positivi
  • L'operazione
    La Gdf di Pisogne scopre un “laboratorio per evasori fiscali” con sedi in Bergamasca
  • I dati
    Imprese bergamasche: nel quarto trimestre 2020 un calo di 166 posizioni
  • Dal 2 febbraio
    “Chiedilo al notaio”, la consulenza gratuita debutta al Comune di Zanica
  • I dati
    Poste, boom dell’e-commerce a Bergamo: a dicembre +95% pacchi consegnati
  • In tutti gli sportelli
    Poste Italiane, disponibili on-line i dati per la richiesta dell’Isee
  • Il piano
    Poste Italiane punta sull’ecommerce, obiettivo: una flotta di 26mila mezzi
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it