BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Freuler soffre la fisicità degli avversari, Malinovskyi stecca, Palomino è una diga

Più informazioni su

GOLLINI 7: Miracolo, al 39′, col piede sinistro su tiro di Shomurodov. Decisivo nell’unica occasione in cui esserlo, la dura vita del portiere.

TOLOI 6: Meno intensità del solito, non preciso in una favorevole occasione che gli capita al 13’ del secondo tempo.

PALOMINO 7: Si applica ogni volta che viene chiamato in causa. Serve la sua fisicità su Shomurodov. Il migliore.

DJIMSITI 6,5: Attento, senza sbavature. Partecipa poco all’azione e specie nel primo tempo si sente l’inferiorità della spinta.

HATEBOER 6,5: Molte le discese sulla fascia destra. Il più vicino al gol, centra il palo al 20’ del secondo tempo. Rimane la vera occasione della partita.

MAEHLE (Dal 44′ st) S.V.: Cinque minuti per prepararsi per Udine.

FREULER 6: Prima volta che soffre la fisicità del centrocampo avversario senza incidere come vorrebbe. Encomiabile, ma mai decisivo.

DE ROON 6,5: Chiusura al 44’ del secondo tempo a proteggere la difesa, emblema di una partita di sofferenza senza diventare protagonista. La fatica delle tre gare a settimana comincia a farsi sentire.

GOSENS 6: Zappacosta lo costringe lontano dall’area, per tutto il primo tempo mancano le sue folate offensive. Quando trova l’inserimento, nella ripresa, Perin gli risponde da portiere navigato.

MALINOVSKYI 5,5: Titolare perché Pessina ha bisogno di rifiatare, deve ancora dimostrare il suo valore complessivo. Ci prova con il tiro da fuori che è la sua arma migliore. Senza fortuna, senza precisione.

MIRANCHUK (Dal 20′ st) S.V.: Il dubbio rimane: ha molte caratteristiche di Malinovskyi? E non fa il Pessina.

ILICIC 6,5: Accarezza la palla, i vari Criscito e Strootman non fanno altrettanto con lui con una certa complicità dell’arbitraggio. Primo tempo senza mai arrivare alla conclusione, niente di meglio nella ripresa. Oltre la sufficienza per la quantità di palloni e di giocate, questa volta senza diventare protagonista.

LAMMERS (Dal 44′ st) S.V.: In campo cinque minuti per farlo vedere a Preziosi che lo vuole. Non osa disturbare.

ZAPATA 5: Soffre Radovanovic che non è un difensore puro ma con i piedi sa destreggiarsi. Mancano le sue sgroppate sulla sinistra, un regalo per i difensori avversari.

MURIEL (Dal 11′ st) 6: Di stima, questa volta non riesce a cambiare il corso della gara.

 

GASPERINI 6: Guardiamo a Udine perché solo il passato perdura e domani andrà meglio. Il Genoa oltre ad essere il suo non indifferente passato, concede poco e l’Atalanta non ha la solita lucidità. Nemmeno i cambi hanno il passo per incidere, di solito queste partite si possono anche perdere, il pareggio non sarà da buttare se a Udine vai e prendi il risultato pieno.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.