BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Marta Bassino conquista il gigante di Kranjska Gora, quindicesimo posto per Sofia Goggia

La 28enne di Astino ha attaccato nel corso della seconda manche, riuscendo così a recuperare tre posizioni

A distanza di tre settimane dall’ultimo appuntamento, la Coppa del Mondo di sci alpino femminile ritrova lo slalom gigante.

La cancellazione della seconda manche di Schladming a causa del forte vento non ha fatto altro che accrescere la voglia di riscatto delle atlete a partire da Marta Bassino.

Seconda nella classifica di specialità, la 24enne di Borgo San Dalmazzo si è rifatta con gli interessi nella prova di Kranjska Gora, chiamata a sostituire Maribor a causa dell’assenza di neve.

Nella prima discesa la piemontese dell’Esercito ha saputo adattarsi al ghiaccio vivo della Podkoren mantenendo linee molto strette, sfruttando al tempo la leggerezza che la contraddistingue.

La giovane piemontese ha saputo gestire al meglio la pressione, non facendosi influenzare dal ritorno impetuoso di Tessa Worley e precedendo così di otto decimi la fuoriclasse transalpina e 1″46 l’elvetica Michelle Gisin.

Appuntamento con il podio rimandato invece per Federica Brignone che ha faticato a trovare una certa stabilità dovendosi accontentare della quinta posizione.

Nonostante i numerosi rischi corsi durante la gara, la 30enne di La Salle ha saputo riprendersi prontamente tagliando il traguardo alle spalle della slovacca Petra Vhlova.

Chi aveva la necessità di rialzarsi dopo la scivolata di Sankt Anton am Arlberg era Sofia Goggia, capace di centrare l’obiettivo cogliendo il quindicesimo posto finale.

Terza nel 2018, la 28enne di Astino ha faticato sin dalle prime porte gestendo l’ingresso in curva e intraversando sul fondo marmoreo, accumulando però oltre due secondi di ritardo dalla vetta.

Scattata con il diciottesimo parziale, la campionessa olimpica ha cambiato nettamente atteggiamento nella seconda manche attaccando nelle fasi più tecniche e venendo penalizzata soltanto dall’impatto con una porta.

Ritorno in salita invece per Roberta Midali che, nonostante le condizioni offerte dal tracciato,  è stata costretta ad alzare bandiera bianca poco dopo il primo intermedio.

Le due sciatrici orobiche saranno nuovamente di scena sul tracciato giuliano nella mattinata di domenica 17 gennaio quando sarà in programma il secondo gigante del fine settimana.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.