Quantcast
“Lupin”: le avventurose imprese del ladro più famoso di tutti i tempi - BergamoNews

Cinema

La serie tv

“Lupin”: le avventurose imprese del ladro più famoso di tutti i tempi

Ispirandosi alle avventure di Arsenio Lupin, il ladro gentiluomo Assane Diop decide di vendicare il padre per un’ingiustizia subita anni prima per colpa di una ricca famiglia

Titolo: Lupin

Regia: Louis Leterrier, Marcela Said, Ludovic Bernard

Genere: Dramma, crime

Interpreti: Omar Sy, Vincent Londez, Ludivine Sagnier, Clotilde Hesme, Nicole Garcia

Durata: 45’ per 5 episodi

Programmazione: Netflix

Valutazione: ***

Assane Diop (Omar Sy) è un giovane immigrato senegalese la cui vita viene completamente stravolta dopo la morte del padre Babakar (Fargass Assandé), accusato dalla ricca famiglia Pellegrini di aver compiuto un furto ai loro danni. Assane, profondamente scosso dalla perdita, cresce quindi con la convinzione che il genitore fosse veramente un ladro infame e meschino, ma tutto cambia quando l’oggetto sottratto ai Pellegrini ricompare misteriosamente venticinque anni dopo.

Diop comprende allora che le accuse contro sue padre erano totalmente false, iniziando così a pianificare una subdola vendetta che prende spunto dalle malefatte del protagonista di alcuni libri che il genitore gli regalò tempo addietro: si tratta proprio di Arsenio Lupin, il ladro gentiluomo più celebre mai esistito.

Lupin” rappresenta un coraggioso esperimento a firma Netflix che, prendendo spunto da una vicenda familiare tragica, mette mano e rimodernizza tutto l’immaginario lasciatoci in eredità dal malvivente più amato dell’era contemporanea.

Arsenio Lupin in sé, benché presente nella storia solo come un vago eco che motiva Diop alla sua vendetta, diventa assolutamente centrale e imprescindibile dal momento che tutto il suo sistema di valori, il suo carisma e la sua inconfondibile presenza scenica si trasferiscono in un Omar Sy dalla reputazione sempre più internazionale.

lupin

Pur partendo da un episodio tragico e tristemente non comune all’interno di una Francia altolocata tanto borghese quanto razzista, la storia di Assane si mostrerà subito come godibile, semplice e mai scontata, peccando tal volta di soluzioni un po’ troppo comode per risolvere problemi di sceneggiatura altrimenti irrisolvibili. Gran parte della storia si basa, oltre che sul piano criminale per vendicare il padre, sulla carismatica figura di un Diop a metà tra Robin Hood e Arsenio Lupin: sfrontato, abile, simpatico e terribilmente motivato a raggiungere il suo obbiettivo ma mai offensivo e più che mai concentrato a mantenere il phisique du role da “Ladro Gentiluomo”.

Creando una serie che sta esattamente a metà tra “Lucifer” e “La Casa di Carta”, il sito di streaming della “grande N rossa” impacchetta un prodotto che furbescamente mette insieme tutti quegli elementi che negli anni hanno fatto la sua fortuna, prendendo da uno il protagonista carismatico e caratterizzato all’eccesso, così tanto da suggerire al pubblico che ogni episodio o personaggio si sviluppi in sua funzione, e dall’altro un fantastico (ma a tratti assurdo) piano criminale che, in colpo solo, emozioni lo spettatore facendolo immedesimare in una storia in cui, per una volta, gli ultimi possono assaporare la vendetta nei confronti di coloro che per una vita li hanno bistrattati.

Prima parte di un racconto che dà l’impressione di far parte di un disegno molto più ampio ed articolato, “Lupin” porta in scena una storia che, seppur non rivoluzionaria, terrà lo spettatore incollato allo schermo tra simpatici intrighi e clamorose truffe.

Battuta migliore: “Questa è la storia di un ladro, ma non di un ladro qualunque”

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
sanpa
La lanterna magica di guido
“Sanpa” e quell’Italia malata che abbandona i più fragili a loro stessi
Sanpa
La recensione
“Sanpa”: luci e ombre di San Patrignano
mank
La recensione
“Mank”: un favoloso omaggio alla Hollywood dei tempi andati
Generico dicembre 2020
La recensione
“L’incredibile Storia dell’Isola delle Rose”: la nazione più insolita mai esistita
la belva
La recensione
“La belva”: storia ad alta tensione targata Netflix
Stefano Pirelli
L'incarico
Stefano Pirrelli è il nuovo direttore della Chirurgia vascolare del Papa Giovanni
regina degli scacchi
La recensione
“La regina degli scacchi”: miniserie su luci ed ombre della vita di una giocatrice prodigio
mandorian
La recensione
“The Mandalorian”: missione di salvataggio nell’universo di Star Wars
love actually
La recensione
“Love Actually”: romantica commedia inglese per San Valentino
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI