BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A Treviglio continua la distribuzione dei buoni spesa per le famiglie bisognose

In tutto 424 beneficiari hanno presentato la domanda con i requisiti in regola

Si è conclusa martedì 12 gennaio la terza distribuzione, da parte del Comune di Treviglio, di buoni spesa alimentari tramite consegna di una tessera elettronica che potrà essere utilizzata negli esercizi accreditati.

Sono state consegnate le carte prepagate dei “buoni spesa” in tre diverse giornate per un totale di 424 beneficiari che hanno presentato la domanda con i requisiti in regola.

In questa terza giornata alle risorse di 159.534,67 euro pervenute dagli organi centrali, si sono aggiunti: un contributo economico elargito dai Lions Club di Treviglio, una distribuzione di pacchi-spesa del Rotary e un contributo in prodotti della nostra terra della Coldiretti.

Tra le domande pervenute 194 sono state rifiutate, dopo attenti controlli, per mancanza dei requisiti.

“Treviglio è stata tra i primi Comuni della bergamasca ad adottare l’innovativa ‘carta prepagata-buoni spesa’, in sostituzione del cartaceo, per rispondere all’emergenza alimentare – è il commento del vicesindaco e assessore ai Servizi Sociali Pinuccia Prandina -. La carta consente libertà di scelta e capillarità di utilizzo, unita alla possibilità di riutilizzo per qualsiasi altro futuro contributo. Treviglio solidale ha trovato riscontro anche dal privato-sociale con un contributo dei Lions Host locale, della Coldiretti e del Rotary. A completamento degli aiuti, ricordo il progetto Hub solidale Comune-Caritas dove, dietro segnalazioni dei Servizi Sociali, tutti i lunedì vengono distribuiti generi di prima necessità ormai da mesi. Un notevole lavoro è stato svolto dai Servizi Sociali che hanno verificato tutte le domande pervenute e agli uffici va il mio ringraziamento per i controlli serrati verificando: residenza, composizione del nucleo familiare e attestazione Isee inferiore a 10mila euro”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.