BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sematic non rivede la decisione di delocalizzare, scattano due giorni di sciopero

Fim-Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil di Bergamo proclamano lo sciopero per l'intera giornata di venerdì 15 gennaio e lunedì 18 gennaio con presidio fuori dall’azienda a partire dalle 7,15.

“All’audizione per il “tavolo di crisi” Sematic di mercoledì 13 gennaio l’Azienda ha ribadito che attualmente, stante la situazione di crisi economica generale dovuta alla seconda ondata della pandemia da Covid-19, non è in grado di rivedere le scelte fatte a settembre 2020.

Riteniamo che questo atteggiamento “attendista” da parte del Gruppo Wittur, dopo diversi mesi di discussione in merito alle prospettive dello stabilimento di Osio, non sia accettabile e sia poco rispettoso nei confronti dei lavoratori Sematic, già fortemente penalizzati economicamente dall’uso massiccio della cassa integrazione e molto preoccupati per i loro posti di lavoro.
Pertanto, proclamiamo sciopero per l’intera giornata di venerdì 15 gennaio e lunedì 18 gennaio con presidio fuori dall’azienda a partire dalle 7,15.

Solo per il 15 Gennaio il presidio continuerà al rondò di Zingonia (vicino al Carrefour)”.

È quanto annunciano le rappresentanze sindacali di Fim-Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil di Bergamo. La vicenda Sematic è stata resa nota alla cronaca quando il 3 settembre scorso l’azienda aveva annunciato il trasferimento di circa il 70% della produzione in Ungheria, mettendo a rischio circa 200 lavoratori. Lo spostamento delle lavorazioni è poi stato eseguito nelle settimane successive. L’ipotesi della delocalizzazione era stata già ventilata nella primavera del 2019. Per i lavoratori di Osio Sotto si è aperto, quindi, un periodo di Cassa integrazione Covid che durerà fino a marzo.

La convocazione del tavolo di mercoledì 13 gennaio era da tempo attesa ed era stata ripetutamente sollecitata da parte sindacale dopo che una precedente audizione al Mise, il 30 settembre scorso, non aveva portato alcuna novità sul destino dei lavoratori di Osio Sotto né informazioni sulle intenzioni della Direzione del Gruppo Wittur, di cui fa parte Sematic.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.