Quantcast
Ritorno a scuola in presenza: per il Tar Lombardia le superiori possono riaprire - BergamoNews
La sentenza

Ritorno a scuola in presenza: per il Tar Lombardia le superiori possono riaprire

Secondo il ricorso “con il decreto regionale Fontana avrebbe esorbitato dalle proprie competenze"

“Il Tar accoglie la nostra richiesta, respinge l’ordinanza, le scuole possono riaprire“: così un portavoce del comitato ‘A scuola!’ annuncia che il Tar lombardo ha accolto il loro ricorso contro l‘Ordinanza lombarda dell’8 gennaio che aveva disposto la Dad al 100% per tutte le scuole secondarie fino al 25 gennaio.

“Le scuole possono riaprire, ovviamente non già domani perché è troppo tardi – spiega il portavoce del comitato – per organizzarsi“.

Il Comitato “A scuola!” aveva depositato l’11 gennaio, due giorni fa, il ricorso al Tar per la sospensione dell’ordinanza emessa dal presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana l’8 gennaio.

Secondo il ricorso “con il decreto regionale Fontana avrebbe esorbitato dalle proprie competenze violando l’art. 4 del decreto legge n. 1 del 5 gennaio 2021 (norma di rango primario), che prevedeva la progressiva ripresa dell’attività scolastica in presenza per gli alunni delle secondarie di secondo grado“.

Inoltre, si legge nel ricorso, “l’ordinanza non è sufficientemente motivata: afferma per esempio di voler evitare assembramenti quando nelle zone arancioni, condizione in cui attualmente si trova la Lombardia, sono aperti i negozi e c’è libertà di circolazione, ovviamente anche per i ragazzi. L’ordinanza, inoltre, ignora il lavoro dei tavoli prefettizi che avevano elaborato un piano per lo scaglionamento degli orari della città e la ripresa della didattica in presenza e non considera altre possibilità esistenti in relazione alle scuole, come l’introduzione dei cosiddetti ‘tamponi rapidi’ (ritenuti idonei anche secondo la circolare del Ministero della Salute doc. 6) e l’incremento del contact tracing, misure che potrebbero essere non difficilmente implementate“.

In Lombardia quindi gli istituti superiori possono riaprire. Mentre Piemonte, Lazio, Liguria, Molise, Puglia dovrebbero riaprire le scuole superiori lunedì 18 gennaio (per il primo ciclo, torneranno in presenza primaria e secondaria di I grado in Sicilia, Puglia e Molise) ma è tutto ancora da vedere: entro venerdì dalla cabina di monitoraggio dell’Iss arriveranno i dati in base ai quali si delineeranno le nuove zone – con relative restrizioni – che entreranno in vigore a partire da domenica 17 gennaio con una nuova ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza.

“Prendiamo atto della decisione del Tribunale Amministrativo Regionale e ci riserviamo, dopo aver valutato nel dettaglio le motivazioni dello stesso, di proporre reclamo poiché i riferimenti normativi che hanno orientato il Giudice del Tribunale, non tengono conto della possibilità delle Regioni di adottare misure più restrittive di quelle previste dai vari Dpcm”. Lo comunica in Nota Regione Lombardia dopo aver appreso della decisione del Tar della Lombardia sulla sospensione dell’efficacia dell’ordinanza che prevede la didattica a distanza al 100% per le scuole superiori.

Più informazioni
leggi anche
carnevali
L'onorevole bergamasca
Scuola, Carnevali (Pd): “Anticipare vaccini al personale”
Generico gennaio 2021
La protesta
Scuola, studenti sotto la Regione Lombardia: “Se non l’avete ricostruita voi, lo faremo noi”
scuola covid foto di  Kelly Sikkema on Unsplash
La denuncia
“Covid, scuola e studenti tenuti in scacco: calpestando ruoli e diritti”
scuolabus
Da comonte e cassinone
Seriate, cancellazione del servizio scuolabus: l’ira dell’opposizione
Scuola a distanza
La lettera
“Aprite le scuole!”, da Bergamo 655 firmano, ma è polemica nel PD cittadino
scuola covid foto di  Kelly Sikkema on Unsplash
Bergamo
“Aprite le scuole!”, Il Comune risponde: “Siamo con voi, collaboriamo”
presidio studentesco lussana
Il presidio studentesco
“Non basta tornare in presenza: vogliamo che la scuola sia al centro della politica”
ingreesso studenti secco suardo gennaio 2021
Il presidente atb felli
Oggi studenti delle superiori a scuola: “Bus pronti, 300 corse in più in città”
Alessia cisana
Un anno dopo
“Quel giorno in cui ho sentito, senza saperlo, la mia ultima campanella”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it