Gazzaniga, statua di Gesù bambino rotta: scovati i responsabili, sono 6 minorenni - BergamoNews
Polizia unione sul serio

Gazzaniga, statua di Gesù bambino rotta: scovati i responsabili, sono 6 minorenni

La sera del 28 dicembre l'avevano asportata e poi danneggiata. Convocati dai vigili, se la sono cavata con un rimprovero del comandante

Gli agenti della Polizia Locale dell’Unione Insieme sul Serio hanno individuato il gruppo di ragazzi che la sera del 28 dicembre avevano asportato e poi danneggiato la statua di Gesù bambino nel presepio di Gazzaniga. Si tratta di due ragazze e quattro ragazzi, tutti minorenni e residenti a Gazzaniga, tranne uno.

Convocati al Comando insieme ai genitori e messi di fronte all’evidenza delle immagini delle telecamere di sicurezza del Comune, hanno ammesso le proprie colpe.

Nessun provvedimento di tipo penale per loro, data l’età che non li rende ancora imputabili, ma un forte ammonimento da parte del comandante.

I ragazzini hanno giustificato il gesto come una bravata, ed è apparso evidente che non avevano idea di quello che poteva comportare in termini penali la loro azione. I genitori si sono dimostrati molto rammaricati del gesto dei figli, condannandolo in toto.

Non essendoci i termini per provvedimenti più gravosi, i nomi dei ragazzi sono stati comunicati al sindaco di Gazzaniga che eventualmente li chiamerà per un secondo rimprovero.

leggi anche
  • La novità
    Polizia dell’Unione, in Val Seriana controlli a cavallo con i volontari
    Polizia dell'Unione, in Val Seriana controlli anche a cavallo
  • Il caso
    Polizia Unione sul Serio, 3 agenti contagiati e l’inutile richiesta di tamponi
    Foto Sicurezza e soccorso
  • Bassa
    Mezzi senza benzina, crollo delle multe e pochi vigili: chiude l’Unione Terre del Serio
    Polizia Locale Treviglio
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it