Brumano, 42enne muore travolto dalla valanga: lascia la moglie e due figli - BergamoNews
La tragedia

Brumano, 42enne muore travolto dalla valanga: lascia la moglie e due figli

Non ce l'ha fatta Claudio Rossi, 42 anni, lavorava alla centrale operativa del 118

Lo hanno individuato grazie ad un braccio che sbucava dalla neve, ma era già in arresto cardiaco. Durante la corsa in ospedale i medici in elicottero avevano tentato il tutto per tutto, arrivato al Papa Giovanni nuovi tentativi di rianimarlo ma Claudio Rossi, 42 anni di Ghiaie di Bonate non ce l’ha fatta. È morto nel primo pomeriggio di mercoledì 13 gennaio. Lascia la moglie, due figli piccoli e moltissimi amici tra i colleghi del 118 e gli appassionati di montagna.

Quella montagna che aveva lanciato il suo richiamo anche nella mattina di mercoledì 13 gennaio. Con un amico era salito fino a Brumano, poi una valanga ha sorpreso i due escursionisti. Rossi è stato travolto e portato per oltre trecento metri a valle. A dare l’allarme l’amico verso le 9.30. Immediato l’intervento dei volontari del Soccorso Alpini e di tre elicotteri da Bergamo, Como e Sondrio. Una corsa contro il tempo, fino a quando alle 12 alcuni soccorritori hanno scorto tra la neve in mezzo ad un bosco un braccio. Rossi era già in arresto cardiaco, ma nella corsa verso l’ospedale è stato tentato un massaggio con Lucas, un macchinario per rianimare il cuore in caso di ipotermia.

Una volta in ospedale, al Papa Giovanni XXIII di Bergamo, hanno tentato il tutto per tutto anche con l’emodinamica, ma i pesanti traumi riportati su tutto il corpo non hanno lasciato via di scampo a Rossi che è deceduto nel primo pomeriggio. Claudio Rossi lavorava alla centrale operativa del 118 di Bergamo ed era molto conosciuto e stimato come collega.

claudio rossi - valanga brumano

IL DOLORE DEI COLLEGHI E AMICI
“I ricordi migliori che ho di Claudio sono legati alla montagna, alle nostre escursioni e allo sci di fondo. Ci legava questa passione e oggi perdo un giovane e caro amico” commenta tra le lacrime Oliviero Valoti, per vent’anni al timone del 118 di Bergamo e ora direttore dell’ Unità operativa complessa di Anestesia e rianimazione 4 del Papa Giovanni XXIII.

 

leggi anche
  • Mercoledì mattina
    Brumano, travolto da Valanga è gravissimo al Papa Giovanni
    Elisoccorso montagna
  • Colpo di scena
    Yara, la Cassazione dice sì al ricorso di Bossetti sull’esame dei reperti
    yara bossetti
  • La mappa
    Covid, 688 nuovi contagi nell’ultima settimana: i dati Comune per Comune
    mappa covid 6-12 gennaio
  • La tragedia di brumano
    “Ciao Claudio, eri il migliore”: le lacrime per l’infermiere 42enne travolto da una valanga
    Claudio Rossi
  • L'elezione
    Mario Boselli nominato presidente di Prestitalia Spa
    Mario Boselli
  • Tutelati gli anziani
    Covid, iniziata la campagna vaccinale nella Rsa di Seriate e Scanzorosciate
    vaccino agli anziani delle rsa
  • L'accordo
    Leonardo Spa: partnership con Aruba per cloud ad alte prestazioni
    Generico gennaio 2021
  • Da comonte e cassinone
    Seriate, cancellazione del servizio scuolabus: l’ira dell’opposizione
    scuolabus
  • L'iniziativa
    “Ho visto Claudio travolto dalla valanga. Ora raccolgo fondi per aiutare i suoi figli”
    Generico gennaio 2021
  • Venerdì sera
    Valanga sulla strada: interrotto il transito sulla Lenna-Foppolo
    Valanga Foppolo
  • Sabato sera
    Auto esce di strada e prende fuoco: muore 54enne di Rogno
    incidente mortale Darfo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it