Quantcast
Ricoveri Covid, numeri in lieve aumento: il punto negli ospedali della Bergamasca - BergamoNews
Da inizio anno

Ricoveri Covid, numeri in lieve aumento: il punto negli ospedali della Bergamasca

L'andamento dal 1° all'11 gennaio: al Papa Giovanni 32 pazienti in terapia intensiva, 15 di questi al presidio in Fiera

La Lombardia rischia di entrare in zona rossa a partire da lunedì 18 gennaio, a causa del peggioramento di “tutti i parametri” come dichiarato dal presidente della Regione Attilio Fontana. “La scorsa settimana l’Rt si è improvvisamente innalzato a 1,24”, ha fatto presente il governatore (con Rt 1 si va nella zona arancione, con l’1,25 in quella rossa).

Negli ultimi sette giorni, in Lombardia ci sono stati 141 casi Covid ogni 100 mila abitanti. La provincia con meno casi per incidenza è proprio Bergamo: 43 ogni 100 mila abitanti. Ma qual è la situazione nelle strutture ospedaliere del territorio con l’inizio del nuovo anno e dopo le festività natalizie? Proviamo a fare il punto.

Asst Papa Giovanni XXIII

Sono 74 i pazienti Covid-19: 42 in degenza e 32 in terapia intensiva di cui 15 all’ospedale in Fiera. È la situazione aggiornata all’11 gennaio all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

Il primo giorno dell’anno erano 36 i pazienti nei reparti, 28 in terapia intensiva di cui 13 in Fiera, per un totale di 64. Numeri in lieve aumento, che al momento consentono a medici e infermieri di lavorare senza particolari pressioni, anche se l’invito è quello di mantenere sempre alta la guardia.

Asst Bergamo Est

All’Asst Bergamo Est a lunedì 11 gennaio erano 51 i pazienti Covid ricoverati, di cui solamente uno in terapia intensiva al Bolognini di Seriate dove altre 17 persone si trovano nei normali reparti di degenza: 9 al Pesenti Fenaroli di Alzano, 6 a Piario, 6 a Lovere e 12 a Gazzaniga.

L’anno era iniziato con 44 pazienti Covid ricoverati negli ospedali dell’Azienda sanitaria (11 a Seriate, 4 ad Alzano, 8 a Piario, 6 a Lovere e 13 a Gazzaniga), di cui due in terapia intensiva (a Seriate): il primo e unico balzello in avanti il 3 gennaio, con un saldo nei ricoveri di +8 per un totale di 52 ricoverati di cui due in intensiva. Il punto più alto dei ricoveri in questo inizio anno l’8 gennaio, con 55 pazienti ricoverati.

Asst Bergamo Ovest

All’ospedale Treviglio-Caravaggio lunedì 11 gennaio i pazienti Covid ricoverati erano 38, all’altro gestito dall’Asst Bergamo Ovest, quello di Romano di Lombardia 23, per un totale di 61 nelle due strutture della Bassa.

Il primo giorno dell’anno si registravano rispettivamente 39 pazienti a Treviglio e 17 a Romano, per un totale di 56. Nessuno dei contagiati è ricoverato in terapia intensiva, visto che quelli più gravi vengono dirottati all’ospedale della Fiera di Bergamo.

Policlinico Ponte San Pietro

A Ponte San Pietro lunedì 11 gennaio erano 42 i pazienti ricoverati nei reparti, più altri 5 in terapia intensiva per un totale di 47. Domenica erano 44 (39 in degenza e 5 in terapia intensiva), sabato 45 (40 in degenza e 5 in intensiva).

Il primo gennaio i pazienti Covid-19 erano in totale 46 (42 ordinari e 4 in terapia intensiva). Il dato più alto della seconda ondata, a Ponte San Pietro, è stato registrato il 24 novembre scorso, con 128 pazienti in reparto e 7 in terapia intensiva. Molti dei quali provenienti dalle province limitrofe.

leggi anche
L'arrivo vaccino covid in Lombardia
I dati
Vaccino, in Lombardia somministrato il 44,1% delle dosi: Campania al 101,7%
Fontana
A sky tg24
Fontana lancia l’allarme: “Peggiorati tutti i parametri, ci avviciniamo alla zona rossa”
Vaccini Zingonia
La campagna
Vaccino anti Covid anche a Zingonia, Ponte San Pietro e alla Gavazzeni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it