In carcere a Bergamo, 34enne continuava a gestire lo spaccio di cocaina - BergamoNews
Abitava a grassobbio

In carcere a Bergamo, 34enne continuava a gestire lo spaccio di cocaina

Era detenuto dopo aver ucciso per errore un connazionale mentre giocavano con una pistola

Nonostante fosse detenuto nel carcere di Bergamo per un omicidio, continuava a gestire lo spaccio di cocaina nel Comasco. La Procura ha chiesto il giudizio immediato per lui e la sua banda di albanesi scovata dai carabinieri di Mozzate (Como).

Secondo l’accusa, il gruppo avrebbe venduto chili di polvere bianca in oltre 200 cessioni a una settantina di clienti, da Olgiate Comasco fino a Tradate e a Monza.

I militari, al termine di un’indagine iniziata nel gennaio del 2018, avevano eseguito sette ordinanze di custodia cautelare a carico di altrettanti albanesi.

Tra loro un 34enne residente a Grassobbio, secondo gli inquirenti il capo della banda, che gestiva le attività direttamente dalla sua cella del carcere di Bergamo dove era detenuto dopo aver ucciso per errore un connazionale mentre giocavano con una pistola.

Gli altri sono residenti a Tradate (28 anni), Mozzate (due fratelli di 34 anni e 28 anni), Carbonate (41 anni), e ancora Mozzate (32 anni).

Nelle telefonate intercettate la droga veniva chiamata caffè, oppure birra, caramella o goal.

leggi anche
  • Lunedì pomeriggio
    Controlli in stazione con le unità cinofile: un arresto e una denuncia
  • Il provvedimento
    Furti e truffe della baby gang di Romano, 14enne e 15enne finiscono in comunità
  • Il protocollo
    Fondo nuove competenze: a Bergamo formazione e welfare per 30mila lavoratori
  • La risposta
    “In carcere a Bergamo 25 contagiati? Dal ministero dati falsi, sono molti di più…”
  • La reazione
    Dopo gli over 80, vaccino ai carcerati. Gori: “Felice che Arcuri ci abbia ascoltato”
  • Traffico internazionale
    Arrestato all’aeroporto di Bergamo corriere della droga con mezzo chilo di coca purissima
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it