Furti e truffe della baby gang di Romano, 14enne e 15enne finiscono in comunità - BergamoNews
Il provvedimento

Furti e truffe della baby gang di Romano, 14enne e 15enne finiscono in comunità

I due minori fermati sono, a vario titolo, indagati, insieme ad altri quattro complici in fase di identificazione

Martedì mattina i Carabinieri del Comando Compagnia di Treviglio, in collaborazione con il Comando di Polizia Locale di Romano di Lombardia, hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare per il collocamento in comunità di due minorenni, un 15enne e un 14enne della zona, a conclusione delle indagini condotte dall’Arma di Treviglio, riguardanti una serie di reati contro il patrimonio, con furti consumati e tentati, ricettazione e truffa.

In particolare, i due minori fermati sono, a vario titolo, indagati, insieme ad altri quattro complici in fase di identificazione, per:

  • il furto di 12 biciclette, consumato a più riprese nel corso di una notte dello scorso mese di ottobre in un negozio, dove sono entrati dopo aver forzato la porta posteriore di ingresso dell’esercizio e infranto il vetro di una finestra;
  • la ricettazione di una bicicletta elettrica del valore di 2000 euro circa, che a novembre era stata rubata a una commerciante di Covo, mentre era parcheggiata nella rastrelliera posta davanti al negozio di abbigliamento di cui la vittima è titolare;
  • la truffa relativa all’impossessamento di tre pizze da asporto e il tentativo di sottrarre 200 euro in contanti, il 22 novembre ai danni di un pony-pizza di Romano, a cui gli indagati, accompagnati da un complice in fase di identificazione, dopo aver fornito un indirizzo falso e averlo successivamente attirato in un’area appartata per farsi consegnare le pizze, hanno pure tentato di sottrargli il marsupio contenente le 200 euro di incasso.

Nel corso della perquisizione domiciliare eseguita all’interno del box di pertinenza dell’abitazione di uno dei due minori, sono stati rinvenuti un televisore, una bicicletta e un monopattino elettrico, sequestrati dai militari per verificare l’eventuale illecita provenienza.

Oltre ai reati per cui in mattinata i due minorenni sono stati posti in comunità, gli stessi, assieme ad altri quattro ragazzi della medesima età, sono indagati per diverse altre illecite condotte consistenti in aggressioni a coetanei oltre che per ulteriori delitti contro il patrimonio, da ultimo il danneggiamento e il furto di alcune palle e oggetti di Natale che addobbavano l’albero e il presepio nella centralissima piazza Tadini di Romano.

Al termine delle operazioni di fotosegnalamento i due minorenni sono stati condotti e collocati in due distinte comunità.

 

Soddisfatti dell’operazione i parlamentari bergamaschi Simona Pergreffi e Daniele Belotti che avevano seguito il caso: “È stato grazie alle indagini coordinate dal capitano della Compagnia dei Carabinieri di Treviglio Filippo Testa e avviate dai militari della Stazione dei carabinieri di Romano di Lombardia con il comandante Pasquale Farina e dal comandante della Polizia Locale di Romano Arcangelo Di Nardo che è stato possibile individuare i colpevoli, ritrovare la refurtiva e avviare la denuncia con la richiesta di misure cautelari per i minori.

Un mese fa, insieme ai consiglieri comunali leghisti di Romano, avevamo avuto un incontro alla locale stazione dei carabinieri preoccupati dalla spregiudicatezza di questa baby gang. Ringraziamo quindi i carabinieri per essere intervenuti come avevamo auspicato”.

leggi anche
  • Nella bassa
    Fuga da film da Fontanella a Orzinuovi e incidente con una donna: arrestati 2 pusher
    Carabinieri mascherina
  • Al credito cooperativo
    Dalmine, boato nella notte: in azione la banda del Bancomat
    Generico gennaio 2021
  • Carabinieri
    Da Ancona a Brembate con un chilo e mezzo di droga in auto: 46enne in manette
    carabinieri nostra
  • Abitava a grassobbio
    In carcere a Bergamo, 34enne continuava a gestire lo spaccio di cocaina
    cocaina treviolo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it