Controlli in stazione con le unità cinofile: un arresto e una denuncia - BergamoNews
Lunedì pomeriggio

Controlli in stazione con le unità cinofile: un arresto e una denuncia

Il primo, 22 anni, sorpreso a spacciare hashish a un coetaneo: il secondo trovato in possesso della stessa sostanza stupefacente.

Una persona arrestata e una denunciata: questo il risultato di un pomeriggio di controlli nella zona della stazione di ferroviaria di Bergamo, eseguiti lunedì 11 gennaio dai carabinieri della Compagnia di Bergamo col supporto delle unità cinofile di Orio al Serio.

Nell’ambito delle attività pianificate dall’Arma per controllare in maniera mirata la città di Bergamo, al fine di contrastare l’attività di spaccio di sostanze stupefacenti, i carabinieri hanno fermato circa 20 veicoli e identificato 45 persone, 18 delle quali risultate di interesse operativo con precedenti specifici per reati contro il patrimonio o in materia di stupefacenti.

Tra queste un 22enne originario del Mali, in Italia senza fissa dimora, sorpreso a spacciare hashish a un coetaneo: i militari dell’Arma lo hanno fermato e trovato in possesso di due dosi, per un totale di circa 5 grammi, e di 150 euro, ritenuti provento dell’attività illecita.

Condotto in caserma, il ragazzo è stato arrestato in attesa del rito direttissimo in tribunale a Bergamo.

Nell’ambito degli stessi controlli e sempre nei pressi della stazione ferroviaria, è stato anche denunciato un altro giovane maliano, trovato in possesso di 2 grammi di hashish suddivisi in dosi.

Più informazioni
leggi anche
  • Abitava a grassobbio
    In carcere a Bergamo, 34enne continuava a gestire lo spaccio di cocaina
    cocaina treviolo
  • Bergamo
    Lite a forbiciate in stazione, 35enne in ospedale: caccia all’aggressore
    Carabinieri alla stazione di Bergamo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it