Inchiesta Covid, Guerra (Oms): "Autori del rapporto mi dissero di non informare il Ministero" - BergamoNews
Bergamo

Inchiesta Covid, Guerra (Oms): “Autori del rapporto mi dissero di non informare il Ministero”

Francesco Zambon ha spiegato che Guerra "mi chiedeva di falsificare qualcosa in un periodo in cui lui era stato direttore della prevenzione al Ministero"

Nuovo capitolo nell’inchiesta Covid della procura di Bergamo. Il numero due dell’Oms Ranieri Guerra ha spiegato all’Agi che gli autori del Rapporto sulla gestione della pandemia in Italia, al centro anche degli accertamenti dei magistrati, gli dissero “esplicitamente di non informare il Ministero della Salute” della pubblicazione del dossier.

“Non ho mai avuto la facoltà di prendere iniziative sul Rapporto – afferma Guerra – in questo caso mi è stato esplicitamente detto di non informare il Ministro da parte degli autori del Rapporto”.

Tra questi figura il funzionario di Venezia Francesco Zambon che, durante la trasmissione ‘Non è l’Arena’ di domenica sera, ha affermato che Guerra “mi chiedeva di falsificare qualcosa in un periodo in cui lui era stato direttore della prevenzione al Ministero”. Il riferimento è alla data del piano pandemico, di cui si parlava nel Rapporto, che Guerra avrebbe chiesto a Zambon di postdatare per fare sembrare il piano aggiornato al 2016.

La procura di Bergamo ha già ascoltato varie persone ed è pronta a sentirne altri. Il pool coordinato dal procuratore capo Antonio Chiappani ha convocato l’attuale direttore generale Giuseppe Ruocco, che era stato anche direttore generale della Prevenzione prima di Ranieri Guerra, e l’ultimo dirigente nello stesso ruolo, Claudio D’Amario, oltre ad altri due dirigenti coinvolti nella preparazione del Piano, uno dei quali è Francesco Maraglino. Tutti saranno sentiti come persone informate sui fatti.

Più informazioni
leggi anche
  • La decisione
    Troppi morti per Covid a Bergamo, il Comune persona offesa nell’inchiesta
    Noi denunceremo, altre famiglie delle vittime del Covid in Procura
  • Le reazioni
    Comune parte offesa nell’inchiesta Covid, Belotti: “Sciacallaggio politico”
    Belotti Camera
  • Bergamo
    Inchiesta Covid e piano pandemico, l’epidemiologo Merler 5 ore in Procura
    carabinieri procura nostra
  • Dalla regione
    Indennizzi per imprese, la Lombardia eroga più di 67 milioni di euro
    regione lombardia
  • Confindustria bergamo
    Pmi Day, al via gli incontri one to one
    aniello confindustria bergamo
  • Inchiesta covid
    Piano pandemico, Gdf di Bergamo all’Ats e al Ministero della Salute
    Guardia di finanza
  • In procura
    Inchiesta Covid, il dubbio del piano pandemico non attivato a gennaio
    Bergamo, primo giorno del nuovo lockdown
  • A roma
    Piano pandemico in ritardo, ministro Speranza sentito per 5 ore dai pm di Bergamo
    Speranza Getty
  • A presadiretta
    Il direttore dell’ospedale di Alzano: “Quel 23 febbraio dovevamo chiudere”
    Pronto soccorso alzano
  • Bergamo
    Inchiesta Covid, “agli atti nessun ordine scritto sulla riapertura Alzano”
    Pronto soccorso alzano
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it