Vaccino Covid, la Lombardia ultima per rapporto dosi consegnate e somministrate - BergamoNews
I dati

Vaccino Covid, la Lombardia ultima per rapporto dosi consegnate e somministrate

Sono 589.798 le vaccinazioni complessive effettuate in Italia: la migliore è la Campania che ha somministrato l'89,5% delle dosi in suo possesso. Peggio della Lombardia solo la provincia autonoma di Bolzano.

Solo il 37,9% delle dosi di vaccino Covid in possesso della Lombardia sono state somministrate a operatori sanitari, sociosanitari, personale non sanitario e ospiti delle strutture residenziali.

Si tratta del peggior dato italiano, se si esclude quello scorporato della provincia autonoma di Bolzano che si ferma al 34,8%.

Questo l’aggiornamento sul piano vaccinale della mattinata di domenica 10 gennaio, che premia invece il lavoro fatto in particolare dalla Campania, capace di somministrare l’89,5% delle dosi in suo possesso (60.001 su 67.020 consegnate).

La Lombardia, invece, si ferma a 58.310 somministrazioni su 153.720 dosi consegnate: 48.996 sono andate a operatori sanitari e sociosanitari, 7.810 a personale non sanitario e 1.504 a ospiti delle strutture residenziali.

Un buon rapporto tra somministrazioni e dosi lo hanno anche il Veneto (81,8%), la Toscana (79,9%) e l’Umbria (78,4%). Dall’altro capo della classifica, oltre alle già citate Bolzano e Lombardia, sotto al 50% di somministrazione si trovano anche la Calabria (39,3%) e il Friuli Venezia Giulia (46,8%).

leggi anche
  • Bergamo
    Vaccino anti Covid, al Papa Giovanni tocca a medici di famiglia e pediatri
    Vaccino anti Covid, al Papa Giovanni tocca a medici di famiglia e pediatri
  • Bergamo
    Vaccino anti-Covid, al Papa Giovanni si potrà fare anche di domenica
    Vaccino Papa Giovanni
  • La testimonianza
    “Noi medici specializzandi ultimi per i vaccini, ma reclutati nei reparti più a rischio”
    Bruno Barcella vaccino Covid
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it