Incidente a Zogno: si ribalta col suo furgoncino, muore 66enne - BergamoNews
Domenica

Incidente a Zogno: si ribalta col suo furgoncino, muore 66enne

Lungo la provinciale 470, all'imbocco della nuova variante: residente in zona, è rimasto schiacciato nel suo furgone.

Tragico incidente all’alba di domenica lungo la provinciale a Zogno, all’imbocco della nuova variante.

Un uomo di 66 anni, Giuseppe Gherardi, residente a Sambusita di Algua, ha perso la vita nel sinistro avvenuto poco dopo le 6.30.

Inutili i soccorsi dei sanitari del 118 e dei vigili del fuoco di Bergamo: quando sono giunti sul posto l’uomo era già deceduto.

Sul luogo dell’incidente sono arrivati anche i carabinieri del nucleo Radiomobile di Zogno per i rilievi del caso: da una prima ricostruzione pare che l’uomo, che viaggiava in direzione Bergamo, dopo aver perso il controllo del suo Fiat Scudo, per cause ancora da accertare, abbia prima sbattuto contro una paratia del cantiere della nuova variante, per poi ribaltarsi sul lato opposto. Nessun altro mezzo è stato coinvolto nel sinistro.

Pare che l’uomo fosse uscito di prima mattina per prepararsi a una battuta di caccia nella zona del Milanese: sul furgone sono stati recuperati fucili e gabbie con uccelli.

Più informazioni
leggi anche
  • Venerdì sera
    Bonate Sopra, schianto in moto: muore 20enne, ferita l’amica di 17 anni
    ambulanza sera nostra
  • Il cantiere
    Variante di Zogno: terminata l’asfaltatura, adesso la realizzazione delle rotonde
    Generico dicembre 2020
  • Mercoledì sera
    Zogno, uomo investito in via Locatelli: è grave
    ambulanza notte utilizzabile
  • Lunedì mattina
    Donna investita a Zogno, arriva l’elisoccorso
    Elisoccorso
  • Sabato sera
    Auto esce di strada e prende fuoco: muore 54enne di Rogno
    incidente mortale Darfo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it