Quantcast
Effetto Covid, a Bergamo città 1777 morti da gennaio a ottobre: +52,14% - BergamoNews
I dati dell'istat

Effetto Covid, a Bergamo città 1777 morti da gennaio a ottobre: +52,14%

A guidare questa triste classifica è Cremona con un incremento del 60,75% rispetto alla media degli ultimi cinque anni.

Con 1777 morti e un più 52,14% rispetto allo stesso periodo dei 5 anni precedenti (2015-2019), Bergamo è il terzo capoluogo di provincia in Lombardia per incremento di decessi nel periodo gennaio-ottobre 2020.

A guidare questa triste classifica diffusa dall’Istat è Cremona con 1114 morti (+60,75%), seguita da Lodi con 658 morti (+52,31%).

Ecco nel dettaglio la mortalità registrata dall’Istituto nazionale di statistica nei capoluoghi di provincia della Lombardia, l’area del Paese più colpita, raffrontata con la media dei 5 anni precedenti per l’analogo periodo di gennaio-ottobre:

Cremona 1114 +60,75%

Lodi 658 +52,31%

Bergamo 1777 +52,14%

Brescia 2487 +36,49%

Monza 1339 +25,72%

Lecco 555 +25%

Milano 14658 +22,99%

Pavia 922 +21,63%

Mantova 641 +18,92%

Como 959 +13,49%

Varese 903 +10,52%

Sondrio 238 +8,18%

Più informazioni
leggi anche
Generico gennaio 2021
I dati di sabato 9 gennaio
Covid, a Bergamo altri 62 positivi e in Lombardia 63 decessi
Vaccino anti Covid, al Papa Giovanni tocca a medici di famiglia e pediatri
Bergamo
Vaccino anti Covid, al Papa Giovanni tocca a medici di famiglia e pediatri
controlli carabinieri bergamo ok
Da lunedì
La Lombardia torna arancione, Fontana: “Modello a zone crea danni e incertezze”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it