Quantcast
"Covid, scuola e studenti tenuti in scacco: calpestando ruoli e diritti" - BergamoNews
La denuncia

“Covid, scuola e studenti tenuti in scacco: calpestando ruoli e diritti”

"Proponiamo che il 18 gennaio ogni componente della scuola si mobiliti con tutto quello che la fantasia e la voglia di tornare a contare ci suggerisce" scrivono i genitori.

Il Coordinamento dei comitati delle associazioni genitori delle scuole superiori della provincia di Bergamo in un documento denuncia la situazione di ostaggio in cui versa l’intero mondo della scuola per l’emergenza Covid 19. Pubblichiamo il testo completo. 

Ci risiamo.
Assistiamo frustrati all’ennesimo allontanamento della data per la ripresa in presenza, ore di confronto organizzativo di tante componenti scolastiche e istituzionali, oltre al nostro impegno di raccolta dati e proposte operative, buttate alle ortiche.
Non possiamo limitarci a prendere atto della schizofrenia con cui la politica si sta muovendo nei confronti della scuola e degli studenti.
Denunciamo che la situazione sta degenerando scandalosamente verso una deriva che tiene la scuola e gli studenti in scacco, avvilendone ancora una volta il ruolo e i diritti.
Denunciamo che gli studenti, le famiglie e anche i docenti non ci stanno più dentro: si é rotto il tempo delle relazioni, delle socialità, della motivazione ad apprendere, del senso dell’imparare anche quando il programma, le verifiche, i voti ci sono.
Non sta funzionando e ogni disillusione sulla ripresa in presenza, anche parziale ma strutturata nel tempo demotiva, avvilisce, allontana.

Ci vergogniamo profondamente dell’esempio e dei dismessaggi che gli studenti e la scuola ricevono dalla politica: la scuola é sacrificabile, i ragazzi sono pacchetti che si possono mettere a casa o a scuola, accendere o spegnere, nell’incertezza totale. Andare scuola, tutto sommato, non serve. Questo è quello che ci state dicendo.

Guardatevene bene dall’ assumervi rischi di questo messaggio avvilente. Siamo stanchi. Non è più tempo per la retorica sulla scuola.

Il Direttivo del CoorCoGe lancia un grido d’allarme con #adessoBasta!

Proponiamo che il 18 gennaio ogni componente della scuola si mobiliti con tutto quello che la fantasia e la voglia di tornare a contare ci suggerisce ( piccoli flash mob, video, messaggi, una striscia di tessuto con scritto #adesso BASTA legato su ogni automezzo in circolazione tutto quello che saprete inventare).

Rappresentanti degli studenti, dei genitori e mondo scolastico sono invitati a dare insieme un segnale, gridandolo forte.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
piazza rosate protesta al sarpi
In piazza rosate
“Ridateci la scuola in presenza”, la protesta a Bergamo inizia dal liceo Sarpi
Scuola pexels
La dirigente scolastica
“Le superiori bergamasche sono pronte, ma la scuola non è un’isola”
scuola (Nathan Dumlao by Unsplash)
Scontro nel governo
Scuola, il Consiglio dei ministri ha deciso: superiori rientrano l’11 gennaio
A scuola ci vado volentieri!
L'esodo
Quota 100 e Covid, Bergamo è odissea dalla scuola: 665 posti da riempire
Generico gennaio 2021
La protesta
Scuola, studenti sotto la Regione Lombardia: “Se non l’avete ricostruita voi, lo faremo noi”
Primo giorno di scuola a Bergamo
La sentenza
Ritorno a scuola in presenza: per il Tar Lombardia le superiori possono riaprire
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI