Quantcast
"Il governo blocchi lo stop ai veicoli diesel Euro 4, ora è insostenibile" - BergamoNews
La richiesta

“Il governo blocchi lo stop ai veicoli diesel Euro 4, ora è insostenibile”

La senatrice leghista Simona Pergreffi: "Alla classe media già sofferente per via della pandemia non possiamo chiedere questo sforzo"

“La maggioranza di Governo e in particolare il Pd lombardo, – dichiara la senatrice Simona Pergreffi, membro della Commissione Trasporti in Senato – dimenticano lavoratori e imprese della nostra regione colpiti dalla crisi per la pandemia. Un esempio? Il divieto dei veicoli Euro 4 Diesel (oltre agli euro 2 benzina e euro 1) previsto per gennaio che bloccherebbe circa il 10 per cento dell’intero parco veicoli circolante nella pianura padana. Numeri importanti ignorati da questo Governo sempre più miope di fronte alle difficoltà dei cittadini e sordi alle richieste delle Regioni che hanno chiesto rinvio urgente del blocco sia negli incontri sia con una lettera alla quale il ministro non ha mai risposto”.

La senatrice bergamasca ha annunciato un’interrogazione al ministro Costa con cui chiede che “il Governo si impegni per rinviare il blocco alla circolazione, come più volte sollecitato dalle Regioni, per diesel Euro4, benzina Euro2, metano-benzina e Gpl-benzina fino a Euro1 e ciclomotori e motocicli fino a Euro1 che è previsto dall’11 gennaio per la Lombardia ed altre Regioni della Pianura Padana. Si tratta i oltre 1.600.000 veicoli che per la stragrande maggioranza appartengono ad artigiani, autonomi ed in generale quella classe media già ampiamente sofferente per via dell’emergenza pandemica. In un momento di crisi come questo non si può pensare di penalizzare cittadini e categorie in difficoltà, presenteremo a breve un’interrogazione al Ministro Costa perché risolva adeguatamente la questione e ci auguriamo una convergenza sul tema anche da parlamentari lombardi della maggioranza”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Tavolo ristorante
Categoria in ginocchio
Aprire per due giorni? Metà dei ristoratori rinuncia: “Sulla nostra pelle decisioni inaccettabili”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI