Quantcast
Covid, Italia seconda in Europa per quota di vaccinati: la Lombardia risale al 21,5% - BergamoNews
I dati

Covid, Italia seconda in Europa per quota di vaccinati: la Lombardia risale al 21,5%

Germania prima per numero assoluto di dosi, ma dietro Danimarca e al nostro Paese per quota di vaccinati in relazione alla popolazione: alla mattina del 7 gennaio siamo arrivati a 322.943 somministrazioni.

Con 322.943 somministrazioni l’Italia sale al secondo posto in Europa per percentuale di vaccini anti-Covid in relazione alla popolazione: 0,55% rispetto allo 0,44% della Germania, che comunque ci supera per numero assoluto di dosi con le sue oltre 367mila. Al primo posto la Danimarca, che ha già varcato l’1%.

L’ultimo aggiornamento di giovedì mattina parla di 695.175 dosi consegnate, di cui il 46,5% somministrate: le differenze su base regionale, però, continuano a essere ampie a si va dal 15.7% di somministrazione della Calabria all’84,4% del Veneto.

Al secondo posto la Toscana col 79,9% (quasi 32mila dosi consegnate, 25.411 somministrate), al terzo il Lazio con il 67,2% (41.242 su 61.405).

Risale piano piano la Lombardia, la cui quota di somministrazione è arrivata al 21,6%: oltre 23.700 le dosi inoculate sulle 109.845 consegnate.

Al momento i vaccinati lombardi sono soprattutto donne (15.328 contro gli 8.421 uomini) e gli appartenenti alla fascia d’età 55-59 anni (7.349). La maggior parte (20.819) sono operatori sanitari e sociosanitari, 2.482 personale non sanitario e 448 ospiti di strutture residenziali.

Più informazioni
leggi anche
capriolo
A gorlago
Capriolo finisce nel fiume Cherio, salvato dalla Polizia provinciale
Tavolo ristorante
Categoria in ginocchio
Aprire per due giorni? Metà dei ristoratori rinuncia: “Sulla nostra pelle decisioni inaccettabili”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it