Habilita si vaccina: parte la sede di Sarnico - BergamoNews
Giovedì 7

Habilita si vaccina: parte la sede di Sarnico

Complessivamente nel gruppo Habilita saranno vaccinate circa 1200 persone, tra le sedi lombarde e quelle piemontesi.

I primi giorni del 2021 sono stati giorni d’ intensa attività organizzativa per l’allestimento logistico dell’apparato che deve effettuare la vaccinazione per il personale del gruppo sanitario Habilita. Finalmente, dopo mesi di rincorsa alla diffusione del virus, è ora possibile giocare in anticipo con la vaccinazione. La campagna vaccinale prende il via giovedì 7 gennaio 2021 con la somministrazione del primo lotto di vaccini al personale Habilita di Sarnico.

Questa accelerazione sul programma di vaccinazioni è stata possibile grazie ad una grande disponibilità del personale della Direzione di Habilita Sarnico e del personale della Direzione Generale di ASST Bergamo Est, la cui gestione combinata dell’Ospedale Faccanoni è risultata determinante. Già nella giornata di mercoledì 6 gennaio, infatti, una delegazione di infermieri di Habilita Sarnico ha effettuato un training con i colleghi dell’Ospedale di Alzano per formarsi nella somministrazione del vaccino anti COVID. La scelta di partire con la vaccinazione in Habilita Ospedale Faccanoni di Sarnico testimonia la volontà di Habilita di voler agire preventivamente nel contenimento della diffusione del virus, alla luce dei pochi casi che si erano registrati nella struttura del basso Sebino qualche settimana fa.

Complessivamente nel gruppo Habilita saranno vaccinate circa 1200 persone, tra le sedi lombarde e quelle piemontesi.

La settimana prossima sarà il turno del personale delle sedi di Zingonia, Bergamo, Clusone e Bonate Sotto e Osio Sotto. Nelle giornate del 15 e 16 gennaio, infatti, Habilita ha organizzato un vero e proprio V-Day interno per consentire a tutti i propri dipendenti e collaboratori di essere vaccinati. La due giorni si svolgerà in Habilita Poliambulatorio di Osio Sotto e interesserà circa 600 persone. Nell’occasione saranno allestite 4 postazioni operative per la somministrazione del vaccino, coadiuvate dalla presenza di due infermieri per la preparazione delle dosi, così da consentire un flusso rapido ed efficace.

Le operazioni si svolgeranno sotto la supervisione della Direzione Sanitaria e della Direzione Tecnica di Habilita. Anche in questo caso è stata già avviata la formazione del personale sanitario incaricato di somministrare il vaccino.

Per quanto riguarda il personale di Habilita RSD di Albino, invece, si procederà alla vaccinazione in modo conforme alla campagna prevista per le RSA.

Ricordiamo inoltre che, secondo le disposizioni ministeriali, si procederà dopo circa 20 giorni alle somministrazioni di richiamo vaccinale. L’adesione del personale di Habilita a questa iniziativa sfiora la totalità. Entro il mese di febbraio è quindi prevista la conclusione di questa importante campagna vaccinale.

L’attesa per chi lavora sul campo è enorme. Sarà importante verificare la risposta pratica della vaccinazione sia nel breve che nel lungo periodo, con la speranza, dopo quasi un anno di rincorsa e di convivenza difficile con il Coronavirus, di vedere un’inversione dei contagi ed una minor circolazione virale che ci porti presto alla risoluzione di questa grave emergenza sanitaria

leggi anche
  • In europa
    Via libera dall’Ema al vaccino Moderna
    vaccino moderna
  • Emergenza covid-19
    Locatelli sul vaccino Reithera: “Risultati più che promettenti”
    Franco Locatelli
  • Segretario cgil bergamo
    Peracchi e il vaccino: “Priorità sostenere una campagna volontaria di massa”
    Covid Peracchi
  • L'intervista
    Pizzolato: “Vaccino obbligatorio? La Costituzione offre una traccia: si può con seri limiti”
    Vaccino Pizzolato
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it