BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A Treviglio e Romano 200 vaccini al giorno, il direttore: “Lo consiglio a tutti” fotogallery video

Anticipati di un giorno dopo le dichiarazioni di Gallera. Assembergs: "Preferisco non fare polemica. Qui già il 60% di adesioni tra il personale"

Proseguono al ritmo di 200 dosi al giorno le vaccinazioni del personale dell’Azienda Socio Sanitaria Bergamo Ovest che amministra l’ospedale di Treviglio e quello di Romano.

Vaccini Treviglio

Le somministrazioni del vaccino BioNtech-Pfizer sono iniziate domenica, con un giorno di anticipo in seguito alla polemica in Regione dopo le dichiarazioni del ministro al Welfare Giulio Gallera: “Sicuramente quello ha influito – spiega Peter Assembergs, Direttore Generale e Responsabile della Unità di Crisi Covid dell’ASST Bg Ovest – , ma non fatemi commentare l’accaduto e non fatemi parlare della gestione dell’emergenza o del fatto che a oggi il governo non ha le dosi per vaccinare tutti perchè non voglio fare polemiche politiche. Ne ho già abbastanza della direzione della mia struttura”.

“In ogni caso – prosegue – abbiamo deciso di iniziare e dopo un giro di telefonate fatte dai miei direttori, abbiamo arruolato i primi 60 volontari, tra medici, infermieri, farmacisti, biologi, psicologi, ostetriche, amministrativi, sia ospedalieri sia dell’area territoriale”.

Questa fase della campagna vedrà coinvolto tutto il personale, indipendentemente dal profilo professionale e comprenderà anche i dipendenti delle aziende che hanno appalti come per la mensa o le pulizie: “Il principio base è quello della volontarietà. In attesa di leggi, oggi si vaccina solo chi vuole. Finora abbiamo avuto 600 adesioni, circa il 60%. Un buon numero. Certo, chi non lo fa rischia di perdere il treno poi. Non c’è nessuna discriminazione tra classi di lavoratori, chi fa le pulizie ha lo stesso valore di un medico. Si va avanti tutti insieme. Come sempre”.

Assembergs

Il direttore Assembergs consiglia il vaccino a tutti: “Assolutamente, io stesso l’ho già fatto. Finora nessuno ha avuto effetti collaterali, se non un leggero indolenzimento della zona in cui è stata effettuata l’iniezione. Io avendo studiato economia sono abituato a ragionare in termini di costi e benefici: in questo caso credo che la soluzione più conveniente sia quella di vaccinarsi”.

A Treviglio le vaccinazioni si svolgono, anche il sabato e la domenica, in una porzione del Reparto di Oculistica, già sede dell’OBI2, il primo reparto Covid aperto a fine febbraio dello scorso anno. Il personale si prenota tramite una App interna e sceglie l’ora e il giorno in base alle proprie esigenze lavorative.

Si tratta della prima iniezione del vaccino BioNtech-Pfizer. Dopo 21 giorni viene effettuata la seconda e definitiva dose che permette di raggiungere l’immunizzazione al 95% nei soggetti vaccinati.

Vaccini Treviglio

Tra i primi a sottoporsi al vaccino il dottor Carlo Taietti, giovane medico originario di Fontanella: “Mi ritengo un privilegiato ad avere questa possibilità – le sue parole prima di entrare – . Lo ritengo un gesto di altruismo estremo anche nei confronti dei miei pazienti. Professionisti più autorevoli di me hanno già appurato l’efficacia di questo vaccino, quindi sono sicuro di aver fatto la scelta giusta”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.