BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Festività natalizie, in Bergamasca 37.556 persone controllate: solo 102 sanzionate

In città e provincia rispettate le limitazioni imposte dal Dpcm. Attenzionati anche 1813 esercizi commerciali: appena 3 sanzionati

I bergamaschi sono stati rispettosi delle limitazioni imposte durante le festività natalizie per arginare la diffusione del Covid 19. Secondo i dati della Prefettura sui pattugliamenti svolti dalle forze dell’ordine sulle strade della nostra provincia, solo lo 0,27% delle persone controllate sono state sanzionate per assembramento o uscita da casa senza un valido motivo.

Nello specifico, nel periodo che va dal 21 dicembre al 3 gennaio, i bergamaschi fermati per un controllo da Carabinieri, Polizia di Stato e Locale, o Guardia di Finanza sono stati 37.556.

Di questi solo 102 hanno ricevuto una sanzione per non aver rispettato quanto stabilito nel Dpcm pre-natalizio. Bergamo, come il resto d’Italia, è stata zona rossa nei giorni del 24, 25, 26, 27 e 31 dicembre, e poi nei giorni di 1, 2 e 3 gennaio. Fascia arancione, invece, per i giorni feriali del 28, 29 e 30 dicembre, oltre al 4 gennaio.

Dieci persone tra quelle fermate sono state invece denunciate all’autorità giudiziaria per non aver rispettato il periodo di quarantena. La violazione intenzionale del divieto assoluto di allontanarsi dalla propria abitazione o dimora per i soggetti risultati positivi al virus è punita con la pena di cui all’articolo 452, primo comma, numero 2, del codice penale: si rischia la reclusione da uno a cinque anni.

I controlli hanno riguardato anche gli esercizi commerciali e in particolare il rispetto delle norme anti-contagio durante l’orario di apertura. Sono state 1813 le attività passate al setaccio e anche in questo caso i numeri sono positivi con solo 3 sanzioni elevate.

I pattugliamenti delle forze dell’ordine proseguiranno anche nei prossimi giorni, con la zona rossa di mercoledì 6 e di giovedì 7 gennaio, in attesa del nuovo decreto e di altre limitazioni.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.