Quantcast
Omicidio Colleoni, senza lacrime Francesco racconta: “Così ho ucciso papà” - BergamoNews
Dalmine

Omicidio Colleoni, senza lacrime Francesco racconta: “Così ho ucciso papà” fotogallery

Una serie di incongruenze sulla ricostruzione delle ultime ore

“C’erano delle incongruenze nel racconto del figlio, siamo partiti da lì, dopo la verifica delle telecamere della zona che non hanno ripreso alcun rapinatore in fuga. Abbiamo compreso che l’omicidio si era consumato nel cortile di quella corte e l’assassino era lì”. Il tenente colonnello Davide Giannì ricostruisce le ore dell’indagine che hanno portato all’arresto di Francesco Colleoni, 34 anni, per aver ucciso il padre Franco di 68.

L’evento violento sarebbe sfociato dopo l’ennesima lite sulla gestione della trattoria “Al Carroccio” di Brembo di Dalmine, locale che si affaccia sulla corte dove si è consumato l’omicidio. E le parole dei dipendenti del ristorante, che hanno sottolineato le tante discussioni tra padre e figlio, avrebbero offerto uno spunto su cui indirizzare l’indagine.

Si dice che le prime 48 ore dopo un omicidio sono determinanti. Ogni minimo dettaglio è importante. È vero?
Le dico che i miei carabinieri hanno iniziato a lavorare alle 8 di sabato mattina e hanno terminato domenica alle 14. Non hanno dormito, non hanno mangiato e con grande solerzia hanno raccolto tutti i dettagli del caso che servivano alla Procura di Bergamo. Sì, le prime ore dopo l’omicidio bisogna mantenere la massima concentrazione, non lasciare nulla al caso e considerare ogni minimo dettaglio. Un intervallo o una pausa rischiano di lasciare irrisolto un caso”.

Gli indizi che hanno spinto i carabinieri ad insistere sul figlio che lavorava con Franco Colleoni alla gestione del locale sono stati una serie di incongruenze sulla ricostruzione delle ultime ore, l’appartamento della vittima messo a soqquadro per depistare in modo goffo le indagini e l’assenza di persone in fuga nelle immagini delle telecamere passate al setaccio.

Abbiamo così deciso di tenere con noi il figlio della vittima, lo abbiamo risentito più volte e ogni volta c’era qualcosa che non tornava. Fino a quando è crollato ed ha ammesso la colluttazione prima a mani nude e poi con delle pietre” aggiunge il tenente colonnello Davide Giannì. “Non c’è stato nessun pianto”.

A quel punto il 34enne è stato ascoltato anche dal pubblico ministero Fabrizio Gaverini che lo ha interrogato alla presenza dell’avvocato di famiglia: ha confermato la sua confessione e la dettagliata ricostruzione effettuata dai militari del Nucleo Investigativo e della Compagnia di Treviglio.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Generico gennaio 2021
L'omicidio
Dalmine, ucciso nel suo ristorante l’ex segretario leghista Franco Colleoni
Franco Colleoni
Sabato mattina
Brembo di Dalmine, trovato senza vita Franco Colleoni, ex segretario Lega: l’ipotesi dell’omicidio
Generico gennaio 2021
Domenica mattina
Svolta nell’omicidio di Franco Colleoni: arrestato il figlio, ha confessato
salvini colleoni
Il leader leghista
Salvini: “Ricordo con stima e affetto Franco Colleoni”
Franco Colleoni
Le indagini
Omicidio di Franco Colleoni: oggi l’interrogatorio del figlio Francesco
Brembo di Dalmine, l'omicidio di Franco Colleoni
L'interrogatorio
Dalmine, omicidio Colleoni: il figlio si è avvalso della facoltà di non rispondere
Brembo di Dalmine, l'omicidio di Franco Colleoni
Il delitto
Omicidio Colleoni a Dalmine, rinviato a giudizio il figlio Francesco
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI