Brembo di Dalmine, trovato senza vita Franco Colleoni, ex segretario Lega: l'ipotesi dell'omicidio - BergamoNews
Sabato mattina

Brembo di Dalmine, trovato senza vita Franco Colleoni, ex segretario Lega: l’ipotesi dell’omicidio

Sessantotto anni, è stato segretario provinciale della Lega di Bergamo tra il 1999 e il 2004.

Un uomo senza vita è stato ritrovato nella mattinata di sabato 2 gennaio a Brembo di Dalmine. La vittima è Franco Colleoni, 68 anni, segretario provinciale della Lega di Bergamo tra il 1999 e il 2004.

Sul cadavere ci sarebbero ferite alla testa e l’ipotesi al momento è quella di un omicidio.

Il ritrovamento è avvenuto non lontano da un ristorante di via Sertorio, Al Carroccio, di proprietà dello stesso Colleoni.

Sul posto, oltre ai medici per stabilire il decesso, sono intervenuti gli agenti della polizia locale e i carabinieri che stanno cercando di fare luce sui contorni della vicenda.

Più informazioni
leggi anche
  • L'omicidio
    Dalmine, ucciso nel suo ristorante l’ex segretario leghista Franco Colleoni
    Generico gennaio 2021
  • Il leader leghista
    Salvini: “Ricordo con stima e affetto Franco Colleoni”
    salvini colleoni
  • A brembo di dalmine
    Il giallo dell’omicidio di Franco Colleoni: non convince la pista del furto in casa
    omicidio dalmine colleoni
  • Domenica mattina
    Svolta nell’omicidio di Franco Colleoni: arrestato il figlio, ha confessato
    Generico gennaio 2021
  • Dalmine
    Omicidio Colleoni, senza lacrime Francesco racconta: “Così ho ucciso papà”
    omicidio dalmine colleoni
  • L'interrogatorio
    Dalmine, omicidio Colleoni: il figlio si è avvalso della facoltà di non rispondere
    Brembo di Dalmine, l'omicidio di Franco Colleoni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it