Quantcast
Vaccino Covid, le prime fiale arrivate in mattinata al Niguarda di Milano - BergamoNews
27 dicembre

Vaccino Covid, le prime fiale arrivate in mattinata al Niguarda di Milano fotogallery video

Le fiale, dalle quali saranno ricavate le 1.620 dosi destinate agli ospedali lombardi, sono poi state trasferite alla farmacia dell’ospedale e prese in consegna dall’equipe del dottor Alberto Medaglia.

Sono arrivate all’ospedale milanese di Niguarda poco prima delle 8 – a bordo di un mezzo dell’Esercito scortato dai Carabinieri – le prime 324 fiale di vaccino anti-covid destinate alla Lombardia.

Ad attenderle in un simbolico passaggio di consegne il direttore generale dell’ospedale, Marco Bosio, e i vertici delle Forze dell’Ordine e Militari.

Le fiale, dalle quali saranno ricavate le 1.620 dosi destinate agli ospedali lombardi, sono poi state trasferite alla farmacia dell’ospedale e prese in consegna dall’equipe del dottor Alberto Medaglia per essere poi suddivise e caricate sulle macchine di Areu che le trasporteranno negli altri 13 punti della Lombardia dove, nel pomeriggio, cominceranno le vaccinazioni.

Al Niguarda, invece, in mattinata, verranno somministrate le prime dosi a persone ‘simbolo’ e sempre in prima linea durante la pandemia.

Fra queste Adele Gelfo, la OSS che ha sempre lavorato in terapia intensiva; Grazia Fresta, in rappresentanza degli addetti ai servizi e numerosi medici, infermieri, personale sanitario e soccorritori.

leggi anche
giorgio gori
Il sindaco di bergamo
Gori e il v-day: “Un giorno di festa. Nessuno si salva solo”
I primi vaccini al Papa Giovanni
La svolta
La giornata del vaccino ad Alzano e Bergamo: “Come l’ultimo chilometro di una gara faticosa”
fagiuoli vaccino
L'intervista
Covid, Fagiuoli: “Più malati in rianimazione. E il vaccino non è un liberi tutti”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it