BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lo chef De Martino sull’etichetta dello champagne Comte de Montaigne

Come augurio di pronta ripartenza le bollicine francesi dell'Aube dedicano un'etichetta speciale agli chef stellati della Guida Michelin, tra cui il cuoco del ristorante di San Paolo d'Argon

Comte de Montaigne, Maison di Champagne dell’Aube, ha deciso di dedicare un’etichetta allo chef Umberto De Martino (stella Michelin dal 2017) del Florian Maison, splendido Relais che ospita il ristorante Umberto De Martino, situato in posizione panoramica sulla collina di San Paolo d’Argon.

In uno degli anni più neri per la ristorazione italiana, duramente colpita dagli effetti e dalle restrizioni imposte per contrastare la pandemia da Covid-19, Comte de Montaigne, Maison fondata nel 1860 a Celles-sur-Orces nell’Aube e da sempre partner del mondo Ho.Re.Ca., ha scelto di dedicare un’etichetta speciale agli chef stellati della 66^ edizione della Guida Michelin.

Una “special label” disegnata per dare risalto alle eccellenze della nostra ristorazione e alla loro visione imprenditoriale e come augurio di pronta ripartenza in vista del 2021 spiega la cantina.

“Questa iniziativa -commenta Stéphane Revol, Ceo della Maison di Champagne Comte di Montaigne- esprime tutta la nostra vicinanza al mondo della ristorazione in uno degli anni più difficili di sempre. La nostra etichetta speciale è un vero e proprio riconoscimento alla visione manageriale e al DNA di valori degli Chef stellati della Guida Michelin”.

Le bottiglie sono dedicate ai bistellati Davide Oldani (Do di Cornaredo), e Michelangelo Mammoliti (La Madernassa a Guarene), Matteo Metullio (Harry’s Piccolo di Trieste), Giuseppe Mancino (Il Piccolo Principe di Viareggio) e Antonio Guida (Seta, a Milano), e agli stellati Mauro Elli (Il Cantuccio ad Almavilla), Riccardo Di Giacinto (All’Oro di Roma) e Umberto De Martino (Umberto De Martino a San Paolo d’Argon).

“Molti dei ristoranti premiati – conclude Stéphane Revol- sono nostri partner da anni e condividono gli stessi valori della Maison: come il metterci il cuore in quello che si fa, la ricerca dell’autenticità e la passione per l’eccellenza. Valori che, insieme a una doverosa eco-sostenibilità, saranno i veri motori verso la ripartenza economica dell’intera filiera del mondo Ho.Re.Ca. e non solo”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.