Trescore, proiettile da caccia sfonda il vetro di casa: "Mia figlia era lì, tragedia sfiorata" - BergamoNews
Sui colli del paese

Trescore, proiettile da caccia sfonda il vetro di casa: “Mia figlia era lì, tragedia sfiorata”

Il padre della giovane: "Chi imbraccia un fucile deve sapere cosa sta facendo". Individuato dai carabinieri il responsabile

Era in casa, quando ha sentito un botto improvviso. Per capire ciò che era successo, le è bastato voltare lo sguardo: il vetro della porta era stato appena colpito da un proiettile calibro 12, probabilmente appartenente al fucile di un cacciatore.

Attimi di paura quelli vissuti da una ragazza 19enne, residente con la famiglia sui colli di Trescore Balneario. L’ inquietante episodio si è verificato intorno alle 9,30 di mercoledì 23 dicembre. In casa, al momento dello sparo, era sola. “Stava studiando quando ha sentito il rumore del vetro infrangersi – racconta il padre, M. F., 51 anni -. Mia figlia era lì, a pochi metri di distanza. Non è rimasta ferita, ma lo spavento è stato tanto”.

I proprietari di casa hanno subito avvertito i carabinieri. Una volta arrivati sul posto, i militari hanno preso in consegna il proiettile per accertamenti. “La nostra abitazione si trova in prossimità di un bosco e durante la mattinata era in corso una battuta di caccia – racconta il papà della giovane -. Non ho nulla contro i cacciatori, io stesso sono un appassionato di armi – precisa – ma chi imbraccia un fucile deve sapere quel che sta facendo. In questo caso si è sfiorata una tragedia”.

I sospetti della famiglia si sono rivelati fondati. Il responsabile dell’accaduto è proprio un cacciatore, come confermato dai carabinieri. Per adesso fanno sapere che si è scusato e ripagherà il danno.

“Le cause degli incidenti sono il più delle volte da ricercare nel mancato rispetto delle distanze minime da strade e centri abitati, e dalla tendenza a sparare senza inquadrare con sicurezza il bersaglio”, ha denunciato recentemente il Wwf, dopo un incidente costato la vita ad un uomo nelle campagne abruzzesi l’1 novembre.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it