Pedrengo, uomo aggredito a martellate muore poco dopo: arrestata la cugina - BergamoNews
Domenica sera

Pedrengo, uomo aggredito a martellate muore poco dopo: arrestata la cugina fotogallery

Resta da chiarire se il 73enne è deceduto a causa delle martellate o per altri motivi collegati all'aggressione

Una donna di 51 anni, E. M.,  è in stato di arresto nel carcere di Bergamo con l’accusa di aver colpito a martellate il cugino, Giuliano Mascheretti di 73 anni, che poco dopo è morto. L’episodio si è consumato nella tarda serata di domenica 20 dicembre a Pedrengo.

Le due persone, entrambe mai sposate, dal 2015 vivevano insieme in una villetta al civico 12 di via Camozzi. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri di Seriate, domenica sera avrebbero iniziato a litigare per motivi familiari.

Durante la discussione, la donna avrebbe estratto un martello e avrebbe colpito diverse volte il cugino. Poi avrebbe chiamato l’ambulanza parlando di un malore, ma nel frattempo l’uomo, professore in pensione, è spirato. Resta da chiarire se a causa delle martellate o per altri motivi collegati all’aggressione.

Più informazioni
leggi anche
  • La ricostruzione di pedrengo
    Prende a martellate il cugino, poi si pente e lo soccorre: ma è troppo tardi, lui muore
  • Il bilancio della questura
    Nell’anno del Covid calano i reati in città e provincia: 147 persone arrestate, 5 omicidi
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it