Nel Decreto Natale contributi ai ristoratori: a chi spettano e come riceverli - BergamoNews

Fisco Facile

Fisco facile

Nel Decreto Natale contributi ai ristoratori: a chi spettano e come riceverli

L'ultimo Dpcm, oltre a regolare gli spostamenti delle imminenti festività natalizie, ha introdotto un ulteriore contributo a fondo perduto a favore delle attività del settore della ristorazione per compensare, almeno in parte, i mancati introiti causati dalla chiusura imposta.

Il Decreto Natale, oltre a regolare gli spostamenti delle imminenti festività natalizie, ha introdotto un ulteriore contributo a fondo perduto a favore delle attività del settore della ristorazione per compensare, almeno in parte, i mancati introiti causati dalla chiusura imposta.

Per scongiurare l’innalzamento della curva dei contagi, il decreto pubblicato venerdì scorso, 18 dicembre, ha stabilito che dal 24 dicembre al 6 gennaio tutta la penisola sarà considerata zona rossa nei giorni festivi e prefestivi e zona arancione nei giorni feriali. Ciò significa che bar e ristornati potranno aprire soltanto per servizio di asporto fino alle ore 22.00 e per le consegne a domicilio.

Il decreto prevede quindi un contributo a fondo perduto per le attività dei servizi di ristorazione indicati nell’Allegato 1 al Decreto in esame (vedi codici Ateco indicati al termine dell’articolo).

Il contributo spetta esclusivamente ai soggetti che hanno già beneficiato del contributo previsto dal Decreto Rilancio (DL 34/2020) e sarà corrisposto dall’Agenzia delle Entrate mediante accredito diretto sul conto corrente bancario.

L’ammontare del contributo è pari a quello già erogato ai sensi dell’art. 25 del suddetto decreto che, ricordiamo, spettava a condizione che:

i ricavi/compensi del 2019 non siano superiori a 5 milioni di euro;

l’ammontare di fatturato/corrispettivi di aprile 2020 sia inferiore ai 2/3 rispetto a quello di aprile 2019.

L’ammontare del contributo era calcolato applicando le seguenti percentuali alla differenza tra il fatturato di aprile 2020 e aprile 2019:

20% per soggetti con ricavi/compensi 2019 non superiori a 400.000,00 euro;

15% per soggetti con ricavi/compensi 2019 compresi tra 400.000,00 e 1 milione di euro;

10% per i soggetti con ricavi/compensi 2019 tra 1 e 5 milioni di euro.

Ed era previsto un contributo minimo, pari a:

1.000,00 euro, per le persone fisiche;

2.000,00 euro, per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

In ogni caso, l’importo erogato ai sensi del Decreto Natale non può essere superiore a 150.000 euro e non spetta ai soggetti che hanno attivato la partita IVA a partire dal 1° dicembre 2020.

Codici Ateco indicati nell’Allegato 1:
561011
561012
561020
561030
561041
561042
561050
562100
562910
562920
563000

leggi anche
  • Le decisioni
    Tra zona rossa e ospiti a casa: tutte le regole per Natale e Capodanno
    giuseppe conte (foto Governo.it)
  • Feste di natale
    Zona rossa dal 24 dicembre al 6 gennaio in festivi e prefestivi: governo verso l’intesa
    Albero Natale 2020
  • Governo
    Raggiunto compromesso su zona rossa natalizia, ma ancora senza via libera: le ipotesi
    chiuso sportello
  • Ascom e confesercenti
    #Basta!: la protesta di Natale di commercianti e ristoratori di Bergamo
    protesta natale commercio
  • Fisco facile
    Bonus nascita e congedo paternità: le novità della Legge di Bilancio 2021
    famiglia (Foto Dani Guitarra da Unsplash)
  • Chi dice no
    “Ristoratori, attenti a queste proteste: aprire significa infrangere una legge”
    petronilla frosio
  • Fisco facile
    Rinvio delle cartelle e ipotesi di nuova rottamazione: il punto
    Equitalia
  • Fisco facile
    Cos’è la “cassa” Iscro per lavoratori autonomi e come si ottiene
    inps logo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it