Alzano, i 'Nipoti di Babbo Natale' esaudiscono i desideri degli anziani in casa di riposo - BergamoNews
L'iniziativa

Alzano, i ‘Nipoti di Babbo Natale’ esaudiscono i desideri degli anziani in casa di riposo

Apollonia, 100 anni, aveva chiesto una crema per il viso. Caterina un Cardigan rosso. Le loro richieste realizzate da due ragazze, ringraziate a distanza col tablet

Apollonia, 100 anni, per Natale aveva chiesto una crema per il viso. Caterina, che di anni ne ha 87, un Cardigan di colore rosso “perché mi piace curare il mio aspetto, vestirmi bene e sempre in modo coordinato”. Detto, fatto: i loro desideri sono stati realizzati da due giovani ragazze, Debora e Francesca.

In queste ore gli ospiti della Fondazione Martino Zanchi di Alzano Lombardo stanno ricevendo i doni dei ‘Nipoti di Babbo Natale’. Sul sito www.nipotidibabbonatale.it sono stati raccolti i desideri di centinaia di anziani che si trovano in case di riposo e utilizzando il portale c’è chi ha pensato di esaudirli. In totale, sono 16 le strutture della Bergamasca che hanno aderito all’iniziativa.

Gli anziani che hanno ricevuto un dono hanno anche potuto dialogare via tablet con i ‘Nipoti di Babbo Natale’, ringraziandoli per il pensiero. Come Carla, 88 anni, a cui Marilena da Roma ha regalato il tanto desiderato quadretto con la Madonna di Lourdes. O Luigia, 96 anni, che grazie a Manuela ha ricevuto un buono dalla parrucchiera.

Piccoli gesti di solidarietà che possono valere tanto: un sorriso sotto l’albero per un nonno o una nonna in un momento senza dubbio particolare. A causa della pandemia (nella Rsa di Alzano solo a marzo sono morte 20 persone), ma anche della distanza dai parenti nei giorni di festa.

Stefano, 94 anni, ha ricevuto in regalo un rasoio elettrico
leggi anche
  • Alzano
    Natale, i desideri dei nonni nelle Rsa: “Chiedono un tablet per vedere i parenti”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it