BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mattia, morto a 20 anni: la passione per i motori e il sogno di una vita davanti a sè

Mattia Gandolfi abitava a Prezzate di Mapello, lavorava nell’impresa edile dello zio. Dal suo profilo Instagram emerge tutta la sua passione per i motori, per la sua due ruote, la felicità trovata e che stava diventando un progetto di vita con la sua fidanzata.

L’identità di chi siamo, le passioni e le emozioni che ci attraversano, gli istanti di felicità e i momenti di sofferenza che viviamo: i giovani affidano ai social i loro pensieri e le aspettative per il futuro.

Era così anche per Mattia Gandolfi, ventenne di Prezzate, frazione di Mapello, che nella serata di venerdì 18 dicembre, verso le 21, a Bonate Sotto, ha perso tragicamente la vita.
Probabilmente, in via Milano, ha perso il controllo della sua amatissima moto, una Ktm 150, ed è stato sbalzato a terra. Una caduta che gli è stata fatale. In moto, con lui, anche la fidanzatina 17enne che con Mattia condivideva la passione dei motori.

Proprio per la sua competenza sui motori resta inspiegabile come abbia potuto perdere il controllo della moto, domanda alla quale stanno cercando di rispondere le forze dell’Ordine presenti sul posto per i rilievi di Legge. L’altro punto sul quale si sta cercando di fare chiarezza è il casco che indossava Mattia, per capire la dinamica e l’entità dell’urto che gli è costato la vita.

Mattia Gandolfi abitava a Prezzate di Mapello, lavorava nell’impresa edile dello zio. Dal suo profilo Instagram emerge tutta la passione per i motori, per la sua moto, e la felicità cercata, trovata, che stava diventando un progetto di vita con la sia fidanzata. Innamorati, sereni e seri, dediti alle loro passioni, con chiare idee in testa e un sogno nel cuore: “Una vita davanti e la faremo insieme” aveva scritto sotto una foto mentre abbraccia la fidanzata.

Un sogno lasciato sull’asfalto, in una sera d’inverno, a pochi giorni dal Natale.

I social non riescono a trasmettere e testimoniare lo sgomento e il dolore per questa tragedia. Rimane solo il silenzio degli amici che erano con lui e hanno assistito alla scena, l’incredulità della fidanzata che lo aveva abbracciato fino a un momento prima, il dolore immenso dei famigliari che venerdì sera non lo hanno visto rientrare. Un’attesa che non troverà mai più pace.

La salma di Mattia è stata composta nella casa dove abitava con il papà, in via Ca’ Campana. I funerali saranno celebrati lunedì alle 14.30 nella chiesa parrocchiale di Prezzate.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.