Ghisalba, Davide, 15enne investito in bici da un Suv muore 3 anni dopo - BergamoNews
Il dramma

Ghisalba, Davide, 15enne investito in bici da un Suv muore 3 anni dopo

Era il 7 novembre 2017 quando Davide fu travolto da un fuoristrada con a bordo marito e moglie mentre stava rincasando

Il 7 novembre 2017 era stato investito da un fuoristrada con a bordo marito e moglie mentre in sella alla sua bicicletta mentre stava tornando a casa. Davide, 15 anni, rimase sull’asfalto in fin di vita. A tre anni di distanza martedì ha perso la sua battaglia più importante e si è spento al Don Orione di Bergamo dove era ricoverato.

La sera dell’incidente Davide, che oggi avrebbe 18 anni, secondo la ricostruzione della polizia stradale di Treviglio si stava immettendo sulla strada Provinciale 99. Una zona già teatro di diversi incidenti.

In quel momento l’arrivo dell’auto che travolse in pieno la sua bici. Un impatto violentissimo: a bordo della vettura c’erano marito e moglie che si fermarono e scesero a prestare soccorso al giovane.

Sul posto intervenne la centrale operativa del 118 con un’automedica e l’ambulanza della Croce rossa di Bergamo. Soccorso in gravissime condizioni, il ragazzo era stato trasportato al Papa Giovanni.

Inizialmente ricoverato nel reparto di Terapia intensiva, era stato poi trasferito alla Casa degli Angeli di Mozzo e infine al Centro Don Orione di Bergamo, dove è spirato a pochi giorni dal Natale.

Il magistrato Giancarlo Mancusi ha autorizzato la consegna della salma ai familiari per il funerale.

Più informazioni
leggi anche
  • Venerdì sera
    Bonate Sopra, schianto in moto: muore 20enne, ferita l’amica di 17 anni
    ambulanza sera nostra
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it