Il Covid in carcere: positivi venti agenti di sorveglianza, nuovi tamponi ai detenuti - BergamoNews
Bergamo

Il Covid in carcere: positivi venti agenti di sorveglianza, nuovi tamponi ai detenuti

Una situazione che, per quanto si stia cercando di tamponare, si va a innestare su un quadro più ampio: quello del sovraffollamento

Nel luogo dove l’isolamento è imposto e il mondo esterno non entra se non per determinati momenti e determinate professioni, riesce però a insinuarsi il virus che sta annientando la realtà fuori dalle alte mura e dalle pesanti porte.

Il Covid-19 è entrato anche nel carcere di Bergamo.

Se, infatti, durante il picco dell’emergenza sanitaria, la casa circondariale cittadina è riuscita a rimanere quasi immune dal contagio, nel corso della seconda ondata il virus si è insinuato anche nelle celle e nei lunghi corridoi detentivi.

Da inizio dicembre sono risultati positivi alcuni detenuti della sezione “circondariale” dove si trovano i carcerati comuni in attesa di giudizio e nel reparto “femminile”, tanto che dal primo dicembre gli ingressi alle due zone del carcere sono consentite solo a un numero ristretto di personale.

Negli ultimi giorni, il femminile è stato riaperto, mentre permangono ancora criticità alla sezione “comune” e alcuni carcerati positivi sono stati mandati al carcere di Bollate per l’isolamento. Così come nella sezione “Penale” della casa circondariale, dove si trovano i detenuti con giudizio già definitivo, chiusa al personale esterno da mercoledì 16 dicembre.

Non solo carcerati, però. Nella settimana dopo l’Immacolata sono risultati positivi anche circa venti agenti di sorveglianza in seguito a tampone, che sono stati quindi isolati. Una situazione che ha portato ad eseguire nuovi esami diagnostici al personale detenuto.

Una condizione che, per quanto si stia cercando di tamponare, si va a innestare su una situazione più ampia: quello del sovraffollamento delle carceri e il conseguente problema sanitario.

È infatti di pochi giorni fa la richiesta da parte dell’associazione bergamasca Carcere e Territorio ai parlamentari bergamaschi di farsi parte diligente per l’adozione di misure contro il sovraffollamento nelle case circondariali nazionali che, in tempi di un’emergenza sanitaria, risulta ancora più drammatico.

leggi anche
  • Carcere e territorio
    “Il Covid in carcere: il nostro appello per diminuire il sovraffolamento”
    carcere
  • In via gleno
    Amore dietro le sbarre: lui e lei, detenuti, si sposano nel carcere di Bergamo
    matrimonio amore carcere (foto Unsplash)
  • Bergamo
    Benemerenze, in lizza la prima donna medico in neurologia e la rivista del carcere
    Palafrizzoni
  • La riflessione
    Pianeta carcere: il Coronavirus porterà indulto e amnistia?
    carcere di foto fi Larry Farr on Unsplash
  • Covid e carcere
    Detenuti in isolamento: “Da 10 mesi i miei bambini non vedono il papà”
    Carcere
  • La novità
    Covid, Gio’ Style di Urgnano ha creato il portavaccino a basse temperature
    Porta vaccini Giò Style
  • La ricerca
    Covid, più di un bergamasco su due ha rimandato almeno una visita medica
    Eventi a Bergamo e provincia
  • L'appello
    Il Covid in carcere, Segre: “Impossibile arginare il contagio. Vaccinate i detenuti”
    Segre carcere
  • Ats
    Tamponi rapidi: organizzazione e avvio del progetto in provincia di Bergamo
    Tamponi, Covid, Coronavirus,
  • I dati
    Covid in carcere, a Bergamo 25 positivi: un detenuto in ospedale
    Carcere
  • La lettera
    Gori scrive ad Arcuri: “Vaccinare con urgenza i detenuti e il personale penitenziario”
    carcere
  • La risposta
    “In carcere a Bergamo 25 contagiati? Dal ministero dati falsi, sono molti di più…”
    carcere nostra
  • L'intervento
    Gori: “Urgente il vaccino in carcere, ma Arcuri non risponde”
    Gori carcere lettera
  • La reazione
    Dopo gli over 80, vaccino ai carcerati. Gori: “Felice che Arcuri ci abbia ascoltato”
    carcere
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it