Il riconoscimento

Gazzetta Awards, l’Atalanta è la squadra dell’anno

La formazione orobica ha superato la concorrenza di squadre come la Juventus, l'Olimpia Milano e la Nazionale Italiana di ciclismo su pista

Il 2020 verrà ricordato come uno degli anni più complicati per l’umanità.

Nonostante una pandemia abbia coinvolto tutto il globo, il mondo dello sport non si è fermato offrendo brevi istanti di gioia ad appassionati e e tifosi.

Uno di quelli che rimarranno a lungo nella memoria dei bergamaschi sono i quarti di finale di Champions League, traguardo raggiunto dall’Atalanta alla prima partecipazione nella massima competizione continentale.

Nonostante la sconfitta a opera del Paris Saint Germain, la sfida di Lisbona ha rappresentato uno dei più alti della storia della Dea, come confermato ai Gazzetta Awards.

La formazione nerazzurra è stata infatti scelta come squadra dell’anno superando la concorrenza fra le altre della Juventus, dell’Olimpia Milano e della Nazionale Italiana di ciclismo su pista.

“Nel suo insieme l’Atalanta si è rivelata una storia fantastica per come sia riuscita a raggiungere questi risultati – ha sottolineato l’allenatore Gian Piero Gasperini -. Benchè sia una piccola società, la stessa ha saputo attingere a valori enormi come compattezza, voglia di emergere e giocare al meglio delle possibilità contro tutti, divenendo prima un successo italiano, poi mondiale”.

Grazie al connubio fra umiltà, passione e determinazione, la squadra orobica è divenuta un esempio della ripresa di Bergamo dopo le numerose difficoltà causate dal Coronavirus, riuscendosi a conquistare un posto fra le migliori d’Europa e preparandosi ora a sfidare il Real Madrid.

“In molti ci hanno ricordato quanta gioia e spensieratezza abbiamo portato nel cuore dei bergamaschi dopo un periodo duro per la nostra città. Indipendentemente da come sia andata, saper di esser riusciti a portare a delle persone che hanno sofferto particolarmente un po’ di distrazione è stato motivo di grande orgoglio – ha spiegato il patron nerazzurro -. Ora, dopo aver affrontato il Liverpool e l’Ajax, realizziamo il sogno di poter giocare con il Real”.

Una delle imprese che segnerà la storia dello sport bergamasco è sicuramente quella compiuta da Enea Bastianini che, in compagnia dell’Italtrans Racing Team, ha conquistato il Mondiale di Moto 2.

In grado di salire per tre volte sul gradino più alto del podio, il portacolori della scuderia di Calcinate si è aggiudicato il premio “Rivelazione dell’anno” condiviso con la saltatrice Larissa Iapichino.

“Credo di esser cresciuto in questi anni e di esser pronto per il salto in MotoGp – ha confessato il pilota riminese -. So che sarà molto difficile scontrarsi con i tutti i migliori, tuttavia non vedo l’ora di provare a febbraio la mia Ducati e vedremo se sin dall’inizio avrò modo di fare buoni risultati oppure dovrò aspettare un poco. Spero di raccogliere il massimo dai veterani e ottenere magari a fine anno ottenere anche una vittoria”

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Atalanta
La presentazione
Atalanta, è ancora campionato: a Torino per sfatare l’infinito tabù Juventus
Papu Gomez
Che ingratitudine
Salvate il soldato Gomez
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI