Un'Atalanta mai vista: fa gol su punizione e senza il Papu - BergamoNews
Appunti & virgole

Un’Atalanta mai vista: fa gol su punizione e senza il Papu fotogallery

A Bergamo non si vedeva una rete nerazzurra su calcio piazzato da otto anni con Cigarini, Gomez sempre presente in 16 partite tra A e Champions

È tornato il fortino, lo stadio dove la Dea si esalta e sa produrre calcio spettacolo.

Intendiamoci, parlare di ‘casa’ in questa strana stagione senza pubblico è un po’ strano e poi l’Atalanta targata Gasperini ci ha abituato a grandi imprese lontano da Bergamo. Vedere, per credere, anche le recenti vittorie in Champions, tutte fuori casa, da Midtjylland ad Anfield fino ad Amsterdam. E magari anche contro la prossima rivale, che conosceremo nel sorteggio di oggi a Nyon.

Comunque, la prestazione, i numeri confortano il rilancio nerazzurro in campionato. Una ripresa che solitamente non è mai stata tanto esaltante, anche dopo i trionfi di Champions. O forse proprio per quello: era quasi una regola, che tutte o quasi le squadre pagassero la domenica le energie spese al mercoledì. Tutte a parte l’Inter, la solita eccezione.

Però, si ritorna a esultare per più di due gol, che erano un’abitudine con la macchina da gol atalantina, ma l’ultima volta era ancora quella della vittoria sul Cagliari di più di due mesi fa.

Non solo, ci sono tanti altri segnali particolari su questa partita contro la povera Fiorentina di Prandelli, non proprio una vittoria qualsiasi: per esempio, per la prima volta Gollini finisce imbattuto a Bergamo e fa anche una delle sue paratone, certo Dragowski ha dovuto faticare molto di più.

Poi i gol dei difensori, che in tempi un po’ avari per gli attaccanti sono preziosissimi, ma anche qui è una striscia che continua: da Romero in gol contro i danesi, a Gosens che fa gol a Liverpool e si ripete contro la Fiorentina, fino a Toloi per la prima volta in rete grazie all’assist del suo collega Djimsiti.

Schema che in passato aveva dato parecchi risultati con difensori in rete, da Masiello a Palomino allo stesso Djimsiti.

In mezzo a questi gol c’è poi la perla, la punizione di Malinovskyi, per lui la prima rete in questo campionato. Magari non ci crederete, ma provate a pensare da quanto tempo non si vedeva (e purtroppo gli spettatori allo stadio non l’hanno ammirata neanche stavolta) una punizione gol a Bergamo?

Allora: intanto l’ultima punizione segnata dall’Atalanta è ancora firmata da Malinovskyi, il 28 luglio scorso nella vittoria per 2-1 a Parma. E prima di lui, Muriel nel 3-2 di Udine, l’eurogol da metà campo di Ilicic a Torino il 25 gennaio scorso. Però, per trovare una punizione gol a Bergamo bisogna tornare indietro di ben otto anni: Cigarini, 21 ottobre 2012, al 17′ del secondo tempo nella vittoria per 2-1 dell’Atalanta di Colantuono sul Siena (di Reginaldo al 15′ del secondo tempo e Bonaventura al 37′ del secondo tempo le altre reti).

Ma poi ecco la novità di giornata: l’Atalanta non è Gomez dipendente. Sarà un caso o la normalità? Per ora è una partita, Gasperini non ha chiarito che cosa succederà, se cambierà qualcosa nei rapporti tra allenatore e capitano (e dispiace che si siano guastati così), potrebbe dipendere anche dalla società se al mercato di gennaio…

Ma per la prima volta il Papu non gioca, resta seduto in panchina e non era mai successo nelle 10 partite di campionato e nelle 6 di Champions. Tanto che la squadra si era abituata: palla al Papu tuttocampista, le azioni partivano da lui, spesso e volentieri venivano rifinite da lui.

Malinovskyi torna e fa un gran gol, ma le chiavi del gioco non sono solo nelle sue mani: tutta la squadra deve essere di più coinvolta, ci sono gli inserimenti di Pessina che da Liverpool ad Amsterdam si è conquistato la maglia di titolare, c’è Zapata che fa anche il vice Romero per essere utile alla causa, tornando in difesa. Ci sono difensori più attenti, non solo lo stesso Romero, forse anche perché più coperti, con i maratoneti de Roon e Freuler. E Muriel pronto, col sorriso.

Tornerà Miranchuk, magari anche l’Ilicic fenomeno. E mercoledì, a casa dei campioni d’Italia, sarà come una sfida di Champions, ancora fuori casa…

leggi anche
  • 3-0 al gewiss
    Gosens, Malinovskyi, Toloi: Fiorentina ko, l’Atalanta torna a vincere in campionato
    Atalanta-Fiorentina
  • Le pagelle
    Malinovskyi sinistro magico, Romero è un muro, a Zapata manca solo il gol
    Malinovskyi
  • Serie a
    Atalanta-Fiorentina, la diretta del match
    Malinovskyi
  • Rottura totale
    Atalanta, Gomez prepara l’addio? “Quando me ne andrò saprete la verità”
    Papu Gomez
  • Champions league
    Atalanta-Real Madrid, la mission non proprio impossible dei Gaspboys
    Zapata
  • La presentazione
    Atalanta, è ancora campionato: a Torino per sfatare l’infinito tabù Juventus
    Atalanta
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it