Quantcast
Gori: “Non giustifico tutti i comportamenti, ma non è da irresponsabili desiderare uscire” - BergamoNews
Il sindaco di bergamo

Gori: “Non giustifico tutti i comportamenti, ma non è da irresponsabili desiderare uscire”

Un tweet mattutino del sindaco di Bergamo sugli assembramenti domenicali un dissenso della direttrice di Bergamonews. Ora Giorgio Gori aggiunge un intervento più articolato a un dibattito interessante per la città e non solo.

Un tweet mattutino del sindaco di Bergamo sugli assembramenti domenicali (leggi) un dissenso della direttrice di Bergamonews (leggi). Ora Giorgio Gori aggiunge un intervento più articolato a un dibattito interessante per la città e non solo.

Carissimo direttore,
Non sono portato a giustificare qualunque comportamento dei nostri concittadini. Nei mesi scorsi sono intervenuto più volte, a tratti anche con durezza, per censurare il mancato rispetto delle normative anti-contagio, a partire dall’uso lacunoso delle mascherine; ho richiamato i giovani quando mi è parso che si comportassero con leggerezza, assembrandosi allegramente nelle sere d’estate.

Non ho però condiviso le accuse di irresponsabilità che tra ieri e oggi qualcuno ha ritenuto di rivolgere ai “cittadini” per il solo fatto di aver osservato le vie del centro o di Città Alta affollarsi nella prima domenica di riapertura di bar e ristoranti, oltre che dei negozi, in una splendida giornata di sole a soli dieci giorni dal Natale.

Ci si aspettava forse che tutti restassero chiusi in casa nonostante l’allentamento delle precedenti limitazioni?

Peraltro – parlo per ciò che ho visto con i miei occhi, passeggiando sia in via XX Settembre che lungo la Corsarola, quindi nei luoghi teoricamente più affollati – non ho visto nessuno muoversi “a suon di spintoni”, né mascherine abbassate né pericolosi assembramenti. C’era tanta gente, ma che a me è parsa attenta e consapevole delle responsabilità di ciascuno.

Anche la polizia locale ha segnalato solo sporadici assembramenti di ragazzi: eccezioni, direi, rispetto ad una regola improntata a responsabilità e cautela.

Del resto, ripeto, non potevamo aspettarci nulla di diverso. Se decidiamo di tenere chiusi i centri commerciali è fatale che le vie dei negozi si affollino. Se incentiviamo i consumi e i pagamenti elettronici con lo strumento del cashback, è inevitabile che dopo settimane di divieti le persone desiderino uscire di casa e fare qualche acquisto. Dobbiamo indicarle come irresponsabili?

Io stesso, vista la bella giornata, sono andato fuori a pranzo. Ho peccato di superficialità e di imprudenza? Non siamo bestioline, proprio come dice Lei, e per questo meritiamo un po’ di rispetto da chi ci governa. Che non può a giorni alterni proporsi di dare luogo a maggiori “aperture”, perché pressato dall’opinione pubblica e dalla ricerca di consenso, e subito dopo puntare il dito contro i cittadini e ripromettersi nuove “strette” dopo qualche ripresa col teleobiettivo vista al tg.

Siamo diligenti: se decideranno di tornare a chiudere rispetteremo le nuove regole e personalmente mi adopererò per farle rispettare ai cittadini di Bergamo. Ma che si abbia il coraggio delle proprie decisioni, possibilmente senza procedere a zig-zag.

Cordialmente, Giorgio Gori

leggi anche
Bergamo, folla in centro nel primo giorno da zona gialla
Lettera al sindaco
Assembramenti perché consentito? Siamo cittadini, non bestioline
Bergamo, folla in centro nel primo giorno da zona gialla
Su facebook
L’appello di Gori: “Per i regali c’è tempo, non affolliamo il centro nel weekend”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it