Benigni (Cambiamo!): "Finanziaria senza visione per l’Italia" - BergamoNews
Manovra

Benigni (Cambiamo!): “Finanziaria senza visione per l’Italia”

"Ancora una volta troppi finanziamenti a pioggia, troppi soldi spesi male. Abbiamo aumentato il debito fino al 160% del PIL ma lo abbiamo usato esclusivamente per ammortizzatori sociali e sussidi”

“In questa finanziaria ci saremmo aspettati una visione di Paese ma purtroppo il Governo ha perso la grande opportunità, forse l’unica, di mettere a posto le tante cose che non hanno funzionato in questi anni. Ancora una volta troppi finanziamenti a pioggia, troppi soldi spesi male. Abbiamo aumentato il debito fino al 160% del PIL ma lo abbiamo usato esclusivamente per ammortizzatori sociali e sussidi”.

Dichiara durante la conferenza stampa del centrodestra in Senato sulla legge di bilancio il deputato di Cambiamo! Stefano Benigni.

Stefano Benigni

Ringrazio il Presidente Toti per avermi dato l’opportunità di presentare le nostre proposte insieme agli alleati di coalizione. L’Italia ha bisogno di riforme strutturali per rialzarsi da una pandemia che ha messo in ginocchio interi settori, in particolare legati ai servizi, e non è detto che, qualora venisse risolta l’emergenza sanitaria grazie al vaccino, questi settori riescano a rialzarsi. Per questo – continua Stefano Benignioggi più che mai, serve coraggio e lungimiranza per attuare misure straordinarie grazie soprattutto alla sospensione del patto di stabilità europeo. Crediamo che solo attraverso una drastica riforma del fisco e una tangibile riduzione della burocrazia si potrà aumentare la produttività e la competitività del Paese. Solo attraverso investimenti su progetti precisi e strategici legati a infrastrutture, sanità, istruzione e formazione si possa rendere efficace l’azione dello Stato sul rilancio dell’economia. Diversamente rischiamo che il debito di oggi diventi una zavorra domani. Ecco perché con grande serietà e responsabilità abbiamo presentato al Governo la nostra idea di Italia e ci impegneremo fino in fondo per riuscire a realizzarla”, conclude Benigni.

Stefano Benigni
leggi anche
  • Il riconoscimento
    L’app di Intesa Sanpaolo tra le più utilizzate in Europa secondo Forrester
    Barrese Intesa Sanpaolo
  • Il lutto
    Addio a Giancarlo Mangili: “Un pezzo di storia dello sci bergamasco”
    Mangili
  • Lettera al sindaco
    Assembramenti perché consentito? Siamo cittadini, non bestioline
    Bergamo, folla in centro nel primo giorno da zona gialla
  • Sènt che göst
    “Non dimentichiamo i bergamini: nella loro storia c’è il futuro dei formaggi bergamaschi”
    Bergamini
  • La reazione
    Qualità della vita a Bergamo, Gori: “Anno orribile, ma siamo più coesi e solidali”
    giorgio gori
  • L'esodo
    Quota 100 e Covid, Bergamo è odissea dalla scuola: 665 posti da riempire
    A scuola ci vado volentieri!
  • L'intervento
    Benigni (Cambiamo!) sulla crisi di Governo: “Non possiamo permettercelo, altre le priorità”
    Stefano Benigni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it