Quantcast
Piano pandemico non aggiornato, Oms denunciata da un suo funzionario - BergamoNews
Francesco zambon

Piano pandemico non aggiornato, Oms denunciata da un suo funzionario

Il quotidiano inglese The Guardian svela un retroscena nell'inchiesta della procura di Bergamo

Spunta un retroscena nell’inchiesta della procura di Bergamo sulla diffusione del Covid in Bergamasca. Francesco Zambon ha denunciato agli alti funzionari dell’Oms di avere subito delle minacce dal numero due Ranieri Guerra per cambiare la data del piano pandemico italiano, facendolo sembrare aggiornato al 2017 quando era ‘fermo’ al 2006, ma l’organizzazione mondiale della sanità non ha avviato un’inchiesta interna.

La notizia, diffusa dal quotidiano inglese ‘The Guardian’, trova conferma nelle parole consegnate all’AGI dall’avvocato Vittore d’Acquarone che affianca il funzionario della sede di Venezia in questo momento per lui così delicato a livello professionale e umano. È Zambon l’uomo chiave dello scontro, che si sta alzando di livello, tra la Procura e l’Oms con in mezzo il Ministero degli Esteri chiamato dai magistrati di Bergamo, e per ora silente, a decidere se esista un ‘divieto a testimoniare’, motivato dall’immunità diplomatica, per chi lavora nell’organizzazione.

Ai vertici dell’Oms Zambon ha riferito il suo “disagio” in relazione alla minaccia di licenziamento subita da Guerra se non avesse posticipato la data del piano per coprire il ‘buco nero’ di un documento necessario che, di fatto, non esisteva perché risaliva a un’epoca troppo risalente e non forniva indicazioni utili all’attualità della pandemia.

Zambon ha voglia di parlare, come ha detto a più media, ma ancora una volta non gli è stato permesso. La Procura che indaga sulla mancata zona rossa e sulla riapertura dell’ospedale di Alzano Lombardo, dopo la scoperta dei primi casi di Covid, lo aveva convocato mandando un invito a presentarsi a Bergamo non direttamente a lui ma all’Oms come prevede la prassi, visto che gode dell’immunità.

L’organizzazione però non l’ha avvertito e per la seconda volta non gli ha consentito di spiegare la sua versione. Nelle mail svelate dal programma Report, era riportato uno scambio tra lui e Guerra.

È un “lavoro sicuramente pregevole”, concedeva il numero due di Oms al funzionario a proposito del rapporto ma lo invitava a riflettere sulle “questioni politiche”.

Scriveva: “Uno degli atout di Speranza è stato sempre il poter riferirsi a Oms come consapevole figlia (si suppone per foglia, ndr) di fico per certe decisioni impopolari e criticate (…). Se anche Oms si mette si mette in veste critica non concordata con la sensibilità politica del ministro (…) non credo che facciamo un buon servizio al Paese. Ricordati che hanno appena dato 10 milioni di contributo volontario sulla fiducia e come segno di riconoscenza”.

In un’altra email in possesso di Report Guerra scriveva a Zambon: “Come sai, sto per iniziare con il ministro il percorso di riconferma parlamentare (e finanziaria) del centro di Venezia e non vorrei dover subire ritardi o contrattacchi”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
carabinieri procura nostra
L'inchiesta
Di Maio invita l’Oms: i ricercatori parlino con la Procura di Bergamo
carabinieri procura nostra
L'inchiesta
Covid, il ricercatore dell’Oms Zambon sentito per ore dai pm di Bergamo
Giuseppe Ruocco
L'inchiesta di bergamo
“Piano pandemico è del 2006”: dg del Ministero della Salute in Procura per oltre 6 ore
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI