• Abbonati
Il commento

Son certo che a Faber sarebbe piaciuta questa piazza, tra antico e moderno

Dove c’è perfino una piccola arena in cui, quando sarà finito quest’incubo del Covid, i ragazzi potranno trovarsi a suonare e cantare le sue canzoni.

Era una giornata più o meno come questa, la Santa Lucia del 1973: io ero un ragazzino di tredici anni e non sapevo di rivolte o di scioperi, in quella stagione furibonda che, a cose fatte, avremmo chiamato “anni di piombo”.

Prevedevo che mi sarebbe toccato un regalo e speravo con tutto il cuore che mio padre, che di me aveva capito pochissimo, questa volta indovinasse i miei gusti. Arrivò a casa nel tardo pomeriggio, con un voluminoso pacco sotto il braccio, che, la mattina dopo, si rivelò nascondere un piccolo giradischi portatile e due LP, che erano la sintesi del mio gusto musicale di allora: “Io sono nato libero” del Banco e “Storia di un impiegato” di Fabrizio de Andrè.

La mia formazione cominciò di lì: con quei due dischi ascoltati decine di volte. Conoscevo già bene Faber: anni prima, mio cugino Bruno, in una vacanza a San Benedetto del Tronto, me ne aveva rivelato la meraviglia, grazie a un quadernetto su cui aveva trascritto tutti i testi dei primi dischi del cantatutore. Fu l’inizio di un’ammirazione che non è ancora finita e che, anzi, si è affinata, con l’aumentare della mia capacità di comprendere.

Posso dire che De Andrè abbia rappresentato la colonna sonora della mia esistenza: il progressive rock, il punk, la new wave, passavano, mentre lui restava lì, ad aspettarmi a ogni ritorno, con un sorriso bonario e ironico.

Imparai a suonare la chitarra e i miei primi accordi furono dedicati a “Un chimico” o al “Pescatore”, piuttosto che a Lucio Battisti. Poi, mano a mano che uscivano nuovi dischi, immediatamente mi gettavo su di loro, per riprodurli, un po’ alla buona, in camera mia, con la mia chitarrona fiammante.

Quando a Faber si affiancò Ivano Fossati, mi arresi: troppo complesse le armonie. Ma continuai ad ascoltare, anche quando il dialetto genovese si rivelava troppo ostico per le mie orecchie.

De Andrè è stato un grande artista: non lo definirei poeta (né lui amava questa definizione), quanto, piuttosto, uno straordinario autore di minuscoli melodrammi. La combinazione dei suoi testi, così essenziali e originali, delle sue musiche e della sua voce, ha dato vita a un’arte unica. So bene che quest’arte ha vissuto fasi alterne: che, spesso, Faber ha raccolto suggestioni altrui, da De Gregori a Bubola e da Brassens a Cohen. Tuttavia, anche nei suoi lavori meno riusciti, lui ha sempre raggiunto il cuore della gente: c’è sempre stato, là dove doveva essere.

Quando morì, io scrissi un articolo per ricordarlo, su di un mensile di destra, per il quale scrivevo: me ne derivarono critiche in quantità, determinate dalla dichiarata anarchia per la quale De Andrè propendeva. Erano stupidaggini: un genio appartiene a tutti e valutarlo per le sue convinzioni politiche è operazione riduttiva e miseranda.

Anche di recente, il mio articolo per Bergamonews in cui proponevo di dedicargli una via o una piazza di Bergamo ha raccolto le querimonie di qualche cretino: non importa.

Quello che importa è che una piazza di Bergamo sarà intitolata a questo grande artista: una bella piazza, in una località interamente recuperata, con un aspetto moderno e antico insieme. Un luogo che, probabilmente, a Faber sarebbe piaciuto. E dove c’è perfino una piccola arena in cui, quando sarà finito quest’incubo del Covid, i ragazzi potranno trovarsi a suonare e cantare le sue canzoni. E poi, se la gente sa (e la gente lo sa) che sai suonare…

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
leggi anche
piazza de andre
Cultura&città
Bergamo, una via o una piazza a De Andrè: “Al lavoro, cerchiamo quale dedicargli”
pfm de andrè bergamo (foto Stefanino Benni)
Il concerto al creberg
Metti sul palco la Pfm che suona De Andrè, torni indietro di 40 anni ed è… festa
piazza de andre
L'appello
Caro sindaco, intitoliamo una via di Bergamo all’amato Faber?
Gori De Andrè Ghezzi
Il ricordo
Gori e Faber: “Quel giorno in Sardegna il nostro incontro, era la vigilia del rapimento”
Generico dicembre 2020
Via libera dalla giunta
In Daste e Spalenga la piazza che Bergamo dedica a Fabrizio De Andrè
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI