Quantcast
Bergamo, appicca il fuoco nel negozio dell'ex compagna: arrestato 48enne - BergamoNews
In via corridoni

Bergamo, appicca il fuoco nel negozio dell’ex compagna: arrestato 48enne video

Individuato dagli agenti della squadra mobile grazie alle telecamere di videosorveglianza della zona

Il personale della Squadra Mobile della Questura di Bergamo ha individuato un pluri-pregiudicato 48enne, quale autore del danneggiamento seguito da incendio al salone di bellezza per signore denominato “Il bello delle donne”, in via Corridoni. All’uomo è stato notificato il relativo avviso di conclusione di indagini preliminari.

Nella notte tra sabato 5 e domenica 6 settembre , i Vigili del Fuoco sono intervenuti in via Corridoni 18 a causa delle fiamme e del fumo provenienti dall’interno del negozio.

La dinamica e il rinvenimento all’interno dell’esercizio commerciale fortemente danneggiato, di quattro contenitori di plastica con tracce di alcool etilico, tutti privi del relativo tappo e due dei quali con evidente taglio netto del beccuccio per allargarne l’apertura, hanno lasciato pochi dubbi sulla dolosità dell’evento.

Le indagini degli investigatori della Sezione “Criminalità organizzata” della Squadra Mobile si sono sin da subito concentrate sul pregiudicato in questione, già compagno della titolare dell’attività commerciale in questione.

L’immediata visione delle immagini registrate dal sistema di video sorveglianza comunale hanno consentito di notare, alle ore 3.55 circa, un’autovettura Peugeot 106 di colore blu, proveniente da via Borgo Santa Caterina, con a bordo un’unica persona, indossante una felpa di colore scuro e una vistosa striscia bianca all’altezza del petto, che, arrestata la marcia nei pressi del negozio, vi accedeva con estrema facilità, per fuoriuscire circa dieci minuti dopo.

Pronti accertamenti hanno permesso di appurare che il 48enne era titolare di una vettura identica, per modello e colore a quella in discussione, auto, tra le altre cose, fuori produzione dall’anno 2004, ragion per cui ne sono rimasti in circolazione solo pochi esemplari.

In virtu’ di quanto emerso, il personale della Squadra Mobile, messosi alla ricerca dell’uomo, lo ha intercettato poche ore dopo l’evento, a bordo della citata vettura e con indosso la stessa felpa.

L’uomo, pedinato dagli agenti, ha tentato di disfarsi di fiori ornamentali (riconosciuti poi dalla vittima come facenti parte dell’arredo del proprio esercizio commerciale) e soprattutto di due bottiglie in plastica, emananti un odore riconducibile a liquidi infiammabili.

Gli operatori hanno dunque provveduto a fermarlo, e l’hanno trovato in possesso delle chiavi dell’esercizio commerciale che il medesimo si era prodotto all’insaputa di tutti.

La successiva attività d’indagine ha inoltre consentito di appurare la sua conoscenza di particolare relativi all’incendio che potevano essere noti solo all’autore dello stesso e il contesto di dissapori personali con la proprietaria del salone in cui la vicenda era maturata.

L’attività investigativa, confluita in apposita informativa di reato, è stata pienamente sposata dalla Procura della Repubblica di Bergamo che ha emesso il citato di conclusione di indagini preliminari nei confronti del presunto colpevole.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI