Un altro lutto nel mondo del calcio: è morto Paolo Rossi - BergamoNews
A 64 anni

Un altro lutto nel mondo del calcio: è morto Paolo Rossi

L’annuncio da Enrico Varriale: “Indimenticabile Pablito, che ci ha fatto innamorare tutti in quell’Estate dell’82“

Dopo Maradona il mondo del calcio (ma non solo quello) perde un’altra perla di giocatore: Paolo Rossi.

Nella notte tra mercoledì e giovedì l’annuncio dato via Instagram dalla moglie Federica Cappelletti, seguita a ruota dal giornalista di Rai Sport, Enrico Varriale: “Una notizia tristissima : ci ha lasciato Paolo Rossi. Indimenticabile Pablito, che ci ha fatto innamorare tutti in quell’Estate dell’82 e che è stato prezioso e competente compagno di lavoro in RAI, negli ultimi anni. R.i.p. caro Paolo”.

L’attaccante, vincitore del mondiale con l’Italia nel 1982 e di un Pallone d’Oro aveva 64 anni.

Insieme a Roberto Baggio e Christian Vieri detiene il record italiano di marcature nei Mondiali a quota 9 gol, ed è stato il primo giocatore (eguagliato dal solo Ronaldo) ad aver vinto nello stesso anno il Mondiale, il titolo di capocannoniere di quest’ultima competizione e il Pallone d’oro.

Più informazioni
leggi anche
  • L'intervista
    Stromberg sicuro: “Maradona il più forte di tutti, a Liverpool un’Atalanta da sogno”
    Stromberg Maradona
  • Il lutto
    Addio a Diego Armando Maradona: il Pibe de oro aveva da poco compiuto 60 anni
    Maradona straordinaria
  • Il ricordo
    Il Papu Gomez piange Diego Armando Maradona: “Con te oggi è morto il calcio”
    Maradona straordinaria
  • Gigi riva
    “Quando Maradona mi disse: occupati di politica, il calcio è una cosa troppo seria”
    Maradona (Getty)
  • Il ricordo
    Paolo Rossi, innamorato del gol: nel 1982 fece piangere il Brasile
    paolo rossi Getty
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it