Treviglio, la Rsa riapre ai parenti: "Quelle mani che si stringono, che emozione" - BergamoNews
Bassa

Treviglio, la Rsa riapre ai parenti: “Quelle mani che si stringono, che emozione”

Il presidente della Fondazione Anni Sereni, Augusto Baruffi: "Incontri in sicurezza, con tamponi rapidi e dispositivi di protezione"

Con tutte le precauzioni anti contagio, mercoledì mattina (9 dicembre) alcuni anziani della Fondazione Anni Sereni di Treviglio hanno potuto rivedere i loro parenti.

“Il desiderio dei nostri nonni e dei propri cari di potersi incontrare, stamattina, si è avverato – spiega il presidente Augusto Baruffi -. In tutta sicurezza hanno potuto accedere, nella nostra sala dedicata agli incontri, previa effettuazione del tampone rapido Covid-19, misurazione della temperatura, compilazione del triage e della vestizione con appositi dispositivi di protezione. Emozionante vedere le mani che si stringevano e gli sguardi che si incrociavano”.

leggi anche
  • L'appello
    “Da 9 mesi non accarezzo mia mamma in Rsa: permettetelo almeno per Natale”
  • Alzano
    Natale, i desideri dei nonni nelle Rsa: “Chiedono un tablet per vedere i parenti”
  • Seconda ondata covid
    Monitoraggio Ats: “Nelle Rsa situazione sotto controllo, solo 16 positivi”
  • I dati di giovedì 10 dicembre
    Covid: altri 79 positivi a Bergamo, 2mila in Lombardia: 172 i decessi
  • Verso le elezioni
    Treviglio, Italia Viva si smarca dalla coalizione di Tura: “Troppe liste coinvolte”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it