Negroamaro, Primitivo e piatti tipici: le specialità della Puglia - BergamoNews
A cura di

Enoteca Gaudes

Enoteca

Negroamaro, Primitivo e piatti tipici: le specialità della Puglia

Accompagnati dall’Enoteca Gaudes approfondiamo la conoscenza di questa regione, che è una delle più produttive grazie alla sua morfologia (50% pianeggiante e 50% collinare) e al clima caldo e molto soleggiato

Proseguiamo il nostro viaggio alla scoperta dei vini d’Italia facendo tappa in Puglia. Accompagnati dall’Enoteca Gaudes approfondiamo la conoscenza di questa regione, che è una delle più produttive grazie alla sua morfologia (50% pianeggiante e 50% collinare) e al clima caldo e molto soleggiato.

Iniziamo l’analisi delle principali zone vitivinicole concentrandoci sull’area settentrionale e sulla zona del Tavoliere: a nord di Bari, nella provincia di Foggia e nel Tavoliere si coltiva il Montepulciano e il Sangiovese come vitigni a bacca nera, il Bombino bianco e il Trebbiano toscano per quelli a bacca bianca. Vicino a Barletta, nell’area di Castel del Monte, l’Uva di Troia e il Bombino nero danno vini rossi di grande struttura, appartenenti alle tre DOCG Castel del Monte Bombino Nero DOCG, Castel del Monte Nero di Troia Riserva DOCG e Castel del Monte Rosso Riserva DOCG.

Spostandoci verso sud arriviamo nella zona del Salice Salentino in provincia di Lecce: qui la produzione enologica riguarda prevalentemente vini rossi e rosati, il Salento è una delle aree vinicole italiane più importanti per la produzione di vini rosati. Proprio in quest’area fu imbottigliato, nel 1943, il primo vino rosato d’Italia, il celebre Five Roses di Leone de Castris. I vini rossi e rosati appartenenti alla DOC Salice Salentino sono prodotti con il vitigno Negroamaro e la Malvasia Nera.

Indirizzandoci verso Taranto troviamo il territorio dove viene coltivato il Primitivo di Manduria, l’uva rossa più diffusa della parte centro-meridionale della Puglia e con essa si produce il Primitivo di Manduria, una delle DOC più importanti della regione, e il Primitivo di Manduria dolce naturale DOCG. Nonostante oggi sia considerato fra le uve autoctone della Puglia, questa varietà sembra essere geneticamente simile al Plavac Mali della Dalmazia e la ritroviamo anche in California con il nome di Zinfandel. Secondo una teoria il nome deriva dal fatto che tende a maturare in anticipo rispetto alle altre varietà.

Nella zona del Salento è diffuso anche un altro vitigno molto famoso, il Negramaro.

Per quanto riguarda l’aspetto enogastronomico la cucina pugliese si distingue per l’importanza degli ingredienti di base, siano essi carne, pesce o verdure. Sono fondamentali gli ortaggi di stagione, come la cima di rapa, il cavolo verde, i legumi, le melanzane, i carciofi, e i peperoni.

Le ricette tipiche variano in base alla città in cui ci si trova: quelle di Taranto, Brindisi e Bari, città costiere, sono diverse da quelle nella provincia di Foggia, più collinosa, e di Lecce, più all’interno.

Altre specialità sono tutti i prodotti marittimi, dal pesce ai frutti di mare.

Tra i primi piatti, i più tipici sono le orecchiette con le cime di rapa e il riso al forno alla barese chiamato pure riso, patate e cozze, le cui ricette sono ormai diffuse in tutti i libri di cucina. Fra i secondi, invece, prevalgono ortaggi, legumi e le carni ovine e suine, e in parte minore anche equine, cotte alla brace e innaffiate da un bel bicchiere di Primitivo di Manduria o di Negramaro. Per ogni piatto è insostituibile il condimento pugliese per eccellenza: l’olio extra vergine d’oliva, ricavato dai tanti oliveti che caratterizzano i paesaggi di tutta la regione.

La Puglia ha una lunga tradizione per quanto riguarda i dolci: nel periodo di Natale vengono preparate le Cartellate, dolci a base di pasta sfoglia il cui nome proviene dalla loro forma incartocciata. I Sassanelli sono un altro dolce tipico pugliese, della Murgia, preparati con vincotto, arancia, cacao e cannella. Dobbiamo menzionare anche il Pasticciotto, una frolla ricoperta di crema pasticcera e cotta in forno.

All’Enoteca Gaudes, a Torre de’ Roveri in via Marconi, 1, si può trovare un’ampia scelta di vini pugliesi: per avere ulteriori informazioni telefonare al numero 0350401452 oppure inviare un’e-mail a info@enotecagaudes.it

Rimani aggiornato sulle sue proposte consultando il sito www.enotecagaudes.it o accedendo alla pagina Facebook e Instagram.

 

 

Più informazioni
leggi anche
  • Martedì 8 dicembre
    Donna e bambina intossicate dal monossido di carbonio: salvate a Zingonia
    Generico dicembre 2020
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it